Impariamo a conoscere i rimedi naturali contro l’ansia.

     


Sebbene la chiave per vincere lo stress e l’ansia stia nello scoprirne la causa e nel trovare le modalità per ridurne gli effetti, anche la natura ci viene in aiuto per affrontare al meglio tale situazione.

Ansia: cos’è?

Secondo l’Enciclopedia Psichiatrica per la Pratica Medica, 1976, l’ansia è una “sgradevole esperienza emotiva che si accompagna a un senso di impotenza o a una sensazione di pericolo imminente e può variare nei suoi gradi da una lieve inquietudine sino a un intenso terrore. È connessa a un sentimento di grave minaccia che spesso non ha alcuna reale corrispondenza esterna. Conduce a caratteristiche manifestazioni somatiche, neurovegetative, biochimiche, endocrinologiche e comportamentali”.

L’ansia è una “sensazione di apprensione, incertezza e paura senza uno stimolo apparente e che si associa a cambiamenti fisiologici: tachicardia, sudore, tremore.” (Dorland); è un’emozione che anticipa il pericolo e si accompagna ad un aumento della vigilanza ed all’instaurarsi di un complesso meccanismo fisiologico di allarme.


Ansia: sintomi

La sindrome ansiosa comprende sintomi di tipo psichico, somatico e comportamentale, i pazienti affetti da questo disturbo appaiono persistentemente ansiosi ed apprensivi e lamentano un prolungato stato di preoccupazione per circostanze ordinarie della vita di tutti i giorni. In assenza di realistiche motivazioni, riferiscono sentimenti di apprensione circa la salute e l’incolumità fisica dei familiari, la situazione finanziaria, le capacità di rendimento lavorativo o scolastico. Si viene ad instaurare un continuo stato di allarme ed ipervigilanza dovuto alla convinzione che certi eventi negativi, da loro temuti, abbiano la possibilità di verificarsi;

  • stress mentale, stanchezza fisica, paura, scoraggiamento, depressione, angoscia..sono solo la punta dell’iceberg di tanti altri problemi legati all’ansia ma spesso sottovalutati! la componente somatica associata all’ansia è costituita da vari sintomi che possono più o meno comparire:
  • sintomi a carico del sistema neurovegetativo, tra i quali spiccano: respiro affannoso, palpitazione cardiaca, sudorazione, particolarmente al palmo della mano, secchezza delle fauci, sensazione di “nodo alla gola”, di “testa vuota e leggera”, vampate di caldo;
  • disturbi della serie gastroenterica: gastriti, reflusso gastroesofageo, coliti, stipsi, meteorismo, dispepsie, nausea e diarrea;
  • spiccata tensione muscolare, particolarmente al capo, al collo e al dorso, sono spesso responsabili dei dolori diffusi e delle cefalee in sede occipitale e frontale, emicrania; a tutto questo si aggiunge facile affaticabilità. Talvolta il coinvolgimento della sfera muscolare comporta invece tremore e/o contrazioni e irrigidimenti degli arti superiori;
  • sintomi della sfera cognitiva (ridotta concentrazione, facile distraibilità, disturbi della memoria, apprensione eccessiva) e della vigilanza (irrequietezza, irritabilità, nervosismo, facilità a sussultare, stato di allarme).

Altri sintomi da non trascurare? attacchi di panicoalterazioni del sonno (difficoltà ad addormentarsi o a mantenere il sonno, o sonno inquieto e insoddisfacente, frequenti risvegli notturni..), caduta dei capelli, acne, dermatiti;

è anche comune constatazione che lo “stress” o una situazione di competizione e ansia diffusa molte volte costituiscono la causa di obesità, di ritenzione idrica, di fame nervosa.


Rimedi naturali ansia efficaci

Tra gli integratori per stress e ansia ti consigliamo per l’ansia rimedi immediati. In particolare, il nostro Ansioninax giorno, con fitocomplesso esclusivo, utile contro:

  • ansia, attacchi di panico, palpitazioni nervose,
  • risveglio stanco accompagnato da forte stress mentale,
  • preoccupazioni continue e ingiustificate,
  • depressione post parto, sindrome premestruale.

Ansioninax giorno può essere assunto anche in gravidanza ed allattamento e può essere associato anche alle benzodiazepine. Contiene:

estratto esclusivo di zafferano (ad azione ansiolitica): lo zafferano è rimedio antico per i disturbi dell’umore, elogiato per primo da Avicenna per il suo potere sulla psiche e sul benessere generale. Studi clinici piuttosto recenti hanno mostrato un’efficacia dell’estratto di zafferano nella depressione lieve e moderata, equiparata a quella di antidepressivi etici come imipramina (“Comparison of Crocus sativus L. and imipramine in the treatment of mild to moderate depression: a pilot double-blind randomized trial”, 2004) e fluoxetina (“Comparison of petal of Crocus sativus L. and fluoxetine in the treatment of depressed outpatients: a pilot double blind randomized trial”, 2006). Ci sono anche studi riguardanti lo zafferano nel trattamento della sindrome premestruale (ad es. quello di Agha-Hosseini et al. “Crocus sativus in the treatment of premestrual syndrome: a double-blind, randomized placebo-controlled trial”, 2008). L’estratto di zafferano può quindi essere utile in caso di depressione, stress ed esaurimento mentale, ed essendo un agonista naturale del recettore GABA-A delle benzodiazepine non interagisce con le benzodiazepine stesse. Il nostro estratto esclusivo è titolato in safranale e crocina, in cui viene usata solo la parte più pregiata dello stigma, ossia la parte finale del filamento, denominata “Sargol” e corrispondente alla primissima scelta; sono utilizzati solo stigmi provenienti dall’Iran.

estratto di biancospino (contro le palpitazioni nervose): il biancospino, definito da Binet “la valeriana del cuore”, è da sempre conosciuto come la pianta del cuore, per la sua attività cardioprotettiva. Esso: incrementa il flusso coronarico e la perfusione miocardica, riduce le resistenze periferiche, ha un effetto antiaritmico e previene l’affaticamento cardiaco (“A randomized double blin placebo controlled clinical trial of a standardised extract of fresh Crataegus berries in the treatment of patients with congestive heart failure NYHA II”. Phytomedicine, 2003. Degenring Fh et al.). Grazie a questi effetti l’estratto di biancospino può essere quindi indicato nei casi di ipereccitabilità soprattutto se di origine nervosa, ed è quindi utile nel trattamento di stati di ansia associati ad accelerazione del battito cardiaco.

estratto di escolzia (calma la tensione): ha effetto ansiolitico e sedativo mediato dagli alcaloidi come la protopina. Può essere utile nei casi di ansia, stress e tensione nervosa.

Se l’ansia ti provoca disturbi del sonno, come ad esempio i risvegli notturni, c’è un altro prodotto altrettanto valido a base di estratto di zafferano, sempre della linea Ansioninax, che oltre all’estratto di zafferano, contiene melatonina in soft gel (ad elevata biodisponibilità) e olio essenziale di lavanda titolato. Uno studio clinico, pubblicato su Phytomedicine, dal titolo: “valutazione dell’effetto dell’olio essenziale di lavanda nel disturbo di ansia generalizzato rispetto a lorazepam” ha confermato essere un efficace trattamento e ben tollerato in adulti con disturbi di ansia generalizzati.

Oltre agli integratori citati, per l’ansia rimedi immediati, un accenno va anche a sonno e riposo goccegocce per l’ansia naturali per adulti e bambini (utili sia per l’ansia sia per un buon sonno, a base di estratto molle di escolzia, passiflora, biancospino), e anche una buona tisana rilassante che non fa mai male.


Ansia rimedi naturali: gemmoterapia e aromaterapia

Gemmoterapia e aromaterapia ci giungono anch’esse in soccorso, completando la parte erboristica. Per quanto riguarda la gemmoterapia:

  • il gemmoderivato di tiglio: è indicato nell'”ansia generalizzata“, nelle molteplici espressioni della distonia neurovegetativa, grazie alle ormai dimostrate proprietà spasmolitiche e sedative attribuibili, in parte, al farnesolo, terpene dalle proprietà neurosedative. Agendo sul livello di serotonina, che contribuisce a innalzare, è in grado di migliorare il tono dell’umore e di svolgere attività ansiolitica e blandamente antidepressiva. È efficace, pertanto, nelle sindromi ansiose, nell’eretismo cardiaco che quasi sempre si accompagna a questi stati, nell’ipertensione arteriosa sostenuta da stress, nell’insonnia ecc. e nei disturbi del sonno favorisce l’addormentamento e contribuisce ad aumentare la durata del sonno senza provocare assuefazione;
  • il gemmoderivato di fico: presenta azione ansiolitica ed è importante utilizzarlo tutte le volte che si rileva alla base del disturbo funzionale una netta componente nevrotica (stress-ansia): può essere, infatti, considerato il rimedio delle manifestazioni psicosomatiche, in particolare della sfera digestiva (“ansia gastrica“) ove regolarizza la motilità e la secrezione gastroduodenale, può essere inoltre inserito, unitamente ad altri presidi terapeutici, nel trattamento dell’obesità o sovrappeso di origine psicosomatica. Contribuirà, infatti, oltre a normalizzare la secrezione gastrica e a regolare l’appetito, a diminuire la componente ansiosa che spesso si associa a questo stato. Grazie all’azione di riequilibrio neurovegetativo, può essere prescritto in quadri clinici vari nei quali, però, la componente emozionale dà luogo a manifestazioni di ambito psicosomatico; (al gemmoderivato di fico si può associare gastrorebuild in caso di bruciore di stomaco-gastrite)
  • il gemmoderivato di biancospino è consigliato invece per ansia e tachicardia.

Per quanto riguarda l’aromaterapia ovviamente come rimedi naturali ansia citiamo due nostri oli essenziali per aromaterapia: l’olio essenziale di lavanda e l’olio essenziale di arancio dolce di Sicilia, oppure puoi lasciarti tentare dal nostro Mix relax di Gadoi-Magnifica Essenza, per diffusore, preparato in Val di Fiemme, con formulazione del Prof. Marco Valussi, di fama internazionale nel suo campo.

Dott.ssa Laura Comollo


Per qualsiasi chiarimento o per maggiori informazioni Contattaci.

Seguici sui nostri canali Facebook Instagram

TUTTI I DIRITTI RISERVATI, IL PRESENTE TESTO NON E’ RIPRODUCIBILE SENZA ESPRESSA AUTORIZZAZIONE DI ERBORISTERIACOMO.IT


Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. 

Share ... Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter