Dormire bene e senza interruzioni è fondamentale per ristorare corpo e mente e poter affrontare le giornate con la carica e la positività necessaria, in questo post parleremo dei rimedi naturali per dormire subito.

     


Il sonno subisce modificazioni notevoli nel corso di tutta la vita. Dopo essere stato onnipresente nel periodo della crescita del bambino e dell’adolescente, con l’età adulta diminuisce. Gli stili di vita contemporanei e diverse imposizioni quotidiane hanno prodotto modificazioni significative sulla durata totale del sonno. Tra quelle riferite più di frequente che possono influenzare il sonno in maniera durevole troviamo le imposizioni derivanti da:

  • il lavoro (gli orari di inizio e fine del lavoro, il tempo del tragitto, lo stress lavorativo, disturbano il sonno; non solo: il 25% degli adulti lavora di notte, su turni o a orari atipici),
  • la famiglia (i bambini e la vita di famiglia disturbano principalmente il sonno delle madri).

Numerosi studi scientifici, condotti negli ultimi decenni, hanno dimostrato che una riduzione del tempo dedicato al sonno può avere conseguenze nefaste sull’organismo quali: aumento di peso; rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari, ipertensione arteriosa; disturbi gastrointestinali; infezioni virali; mal di testa; calo della motivazione; difficoltà di apprendimento, per questo motivo occorrono a volte dei rimedi naturali per dormire subito.


Il ciclo del sonno e i suoi stadi

Il controllo centrale del sonno è legato ai neuroni serotoninergici, noradrenergici e colinergici. Per studiare il sonno, i laboratori specializzati effettuano registrazioni poli-sonno-grafiche. Si tratta di un metodo che misura:

  • le onde cerebrali (tramite elettroencefalogramma, EEG),
  • i movimenti oculari (tramite elettro-oculogramma, EOG),
  • il ritmo cardiaco (tramite l’elettrocardiogramma, ECG),
  • i movimenti e il tono muscolare (tramite elettromiogramma).

Una notte di sonno, in linea generale, è formata da una successione che va da 4 a 6 cicli di sonno della durata di 90-110 minuti ciascuno, per una durata complessiva ottimale del sonno che si situa tra le 6 e le 9 ore a seconda degli individui. Un ciclo di sonno, che come detto si riproduce più volte durante la notte, si divide in tre grandi stadi che avvengono in sequenza:

  1. fase di addormentamento, è la fase di sonno lento e leggero e la prima tappa del ciclo del sonno. E’ caratterizzato da un abbassamento del tono muscolare e della frequenza cardiaca (durata della fase1: 5-10 minuti);
  2. seconda fase del sonno lento e leggero, caratterizzato da una maggiore perdita di coscienza ma la persona è ancora molto sensibile agli stimoli esterni;
  3. fase del sonno lento profondo e corrisponde a un periodo di recupero fisico e metabolico per l’organismo e per il cervello. Gli stadi 2+3 durano circa 90 minuti.

A questo punto ri-subentra lo stadio 2, contraddistinto da sonno lento e leggero, questa volta della durata di 10 minuti.

Infine c’è la fase del sonno paradosso: esso costituisce la seconda grande fase di un ciclo di sonno e corrisponde al recupero della stanchezza nervosa; favorisce la concentrazione e la memoria. E’ anche il momento dei sogni. Questo stadio è caratterizzato da movimenti oculari e da un’attività cerebrale rapidi, mentre il corpo è quasi paralizzato (da cui il nome di sonno paradosso). Da notare, il primo episodio di sonno paradosso è breve, circa 10-15 minuti; poi ci si sveglia, in modo più o meno consapevole a seconda degli individui.

Al termine di ogni ciclo di sonno la persona può sia svegliarsi, sia iniziare un nuovo ciclo. E’ da considerare che la quantità e la proporzione degli stadi di sonno lento e profondo sono sempre maggiori all’inizio della notte e nei primi cicli di sonno, mentre quelli del sonno paradosso sono più lunghi alla fine della notte e subito prima del risveglio naturale. La durata degli stadi di sonno lento leggero (stadio2) è circa la stessa in qualsiasi momento della notte e nell’insieme rappresenta la metà del sonno complessivo.


I disturbi del sonno più comuni

L’insonnia è un disturbo del sonno che si riscontra nel 40-50% delle persone di ogni fascia d’età e, da un punto di vista statistico, ad impedire il sonno sono spesso le preoccupazioni e l’ansia. Si soffre d’insonnia quando si ha:

  • difficoltà a prendere sonno (“problemi di addormentamento”),
  • risvegli frequenti (“risvegli notturni”),
  • un risveglio precoce
  • un’inversione del ritmo sonno-veglia

Se ci si sveglia stanchi: la sensazione di svegliarsi al mattino non abbastanza ristorati dipende dal fatto che durante la notte la rigenerazione non è stata sufficiente. Giorni difficili, pieni di problemi pressanti o di esperienze frustranti graveranno sulla notte che segue. Occorrono pertanto rimedi naturali per dormire subito.


Rimedi naturali per dormire subito: alcuni consigli 

Per i problemi di addormentamento e mantenimento del sonno, innanzitutto è importante seguire queste 10 regole preziose:

  1. distendere la mente da “schermi” o libri almeno un’ora prima di andare a letto;
  2. dormire solo quando è necessario per sentirsi riposati il giorno successivo; svegliarsi alla stessa ora ogni giorno, 7 giorni su 7;
  3. effettuare regolare attività fisica;
  4. assicurarsi di avere una camera da letto comoda, buia e silenziosa e che la temperatura della camera da letto durante la notte sia confortevole (nè troppo calda nè troppo fredda);
  5. consumare i pasti regolarmente e non recarsi a letto se affamati;
  6. non bere troppo e non mangiare troppo alla sera; eliminare i prodotti che contengono caffeina; evitare di assumere gli alcoolici alla sera e di fumare;
  7. cercare di non “portarsi i propri problemi a letto”;
  8. evitare di “sforzarsi” a dormire (andare a letto solo se si ha sonno, alzarsi dal letto se si è svegli da più di 15 minuti, ritornare a letto solamente se si ha sonno);
  9. mettere la sveglia in una posizione tale da evitare di vederla;
  10. evitare pisolini durante il giorno.

Insonnia e risvegli notturni: rimedi naturali per dormire subito

Tra i nostri rimedi naturali per dormire subito ti proponiamo le gocce per dormire naturali, per adulti e bambini; per problemi di risvegli notturni, ecco invece il nostro nuovo integratore per chi dorme male a causa di frequenti risvegli notturni.

Le nostre gocce per dormire naturali consistono in un pluri-estratto molle realizzato attraverso l’estrazione sinergica delle specie botaniche Escolzia, Passiflora, Biancospino, che possono favorire il rilassamento in caso di stress e ansia ed il riposo notturno. Sono gocce per dormire naturali.

Il nostro integratore per migliorare il sonno invece è un potente integratore a base di:

  • un estratto esclusivo di zafferano iraniano tit. 2% safranale e 2% crocina macerato in olio (non ha interazione con le benzodiazepine, favorisce le normali funzioni psicologiche, aiuta a gestire lo stress e la depressione lieve),
  • melatonina veicolata in olio con tecnologia vegetal-soft gel (6 volte più assorbita rispetto a melatonina compresse),
  • olio essenziale lavanda (titolato in linalolo e linalil acetato: studi clinici hanno dimostrato la capacità di ridurre ansia e stress, migliorare il sonno, ridurre l’insonnia; vi sono studi clinici dell’olio essenziale di lavanda vs Lorazepam).

Tra gli altri rimedi classici erboristici: il gemmoderivato di tiglio, le tinture madri di escolzia e valeriana. Una buona tisana rilassante da prendere prima di andare a letto, magari anche un’ora prima, per prepararsi al momento dell’addormentamento, non fa mai male.

Dott.ssa Laura Comollo


Per qualsiasi chiarimento o per maggiori informazioni Contattaci.

Seguici sui nostri canali Facebook Instagram

TUTTI I DIRITTI RISERVATI, IL PRESENTE TESTO NON E’ RIPRODUCIBILE SENZA ESPRESSA AUTORIZZAZIONE DI ERBORISTERIA COMO


Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. 

Share ... Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter