La sindrome premestruale ha un impatto significativo sulla qualità della vita di chi ne soffre. Vedremo in questo post gli ultimi studi pubblicati per conoscere meglio di cosa si tratta e per la sindrome mestruale rimedi naturali analizzati dai ricercatori.

     


La Sindrome premestruale cos’è?

Sindrome premestruale

La sindrome premestruale (PMS) comprende manifestazioni somatiche e psicologiche clinicamente significative durante la fase luteale del ciclo mestruale, che portano a un sostanziale disagio e compromissione della capacità funzionale. Questi sintomi scompaiono entro pochi giorni dall’inizio delle mestruazioni. La prevalenza complessiva di donne in età riproduttiva con sindrome premestruale nel mondo ammonta al 47,8%. Di queste, circa il 20% delle donne manifesta sintomi abbastanza gravi da interrompere le attività quotidiane e il resto presenta sintomi da lievi a moderati. Sindrome premestruale sintomi: comprendono alterazioni dell’appetito, aumento di peso, dolore addominale, mal di schiena, lombalgia, mal di testa, gonfiore, nausea, costipazione, ansia, irritabilità, rabbia, affaticamento, irrequietezza, vertigini, cattivo umore e lacrime.

Disturbo disforico premestruale

Il disturbo disforico premestruale (PMDD) è una sua forma più grave, che è stata inclusa come disturbo psichiatrico nella quinta edizione del Manuale diagnostico e statistico per i disturbi mentali. Per alleviare questi sintomi, vengono utilizzati molti metodi di trattamento non farmacologici e non farmacologici. Le terapie non farmacologiche sono la prima linea di trattamento per i sintomi lievi e quelli con sintomi gravi sono trattati con la terapia farmacologica, principalmente gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI). Le varie terapie non farmacologiche utilizzate per trattare i sintomi lievi includono attività fisica ed esercizio fisico, alimentazione, preparati a base di erbe, terapia cognitivo comportamentale e supporto sociale, riposo adeguato, bagni caldi regolari e integratori vitaminici.


Sindrome premestruale sintomi: criteri diagnostici

La sindrome premestruale è classificata in base a sintomi psicosomatici e comportamentali che si manifestano ripetutamente nella fase luteale, un pattern ciclico, e giorni prima delle mestruazioni. Il paziente è privo di sintomi tra due passaggi luteinici. L’85% delle donne in età riproduttiva presenta almeno un sintomo di sindrome premestruale e il 2,5-3% delle donne soffre di disturbo disforico premestruale (PMDD). I criteri diagnostici della sindrome premestruale per i sintomi affettivi e somatici devono essere sperimentati durante i cinque giorni prima delle mestruazioni in tre cicli mestruali precedenti e alleviati con il flusso mestruale. La gamma psicologica primaria della sindrome premestruale è l’ansia e la depressione.


Sindrome premestruale: cause

Gli ormoni sessuali modulano fortemente il processo immuno-infiammatorio. Le cause della sindrome premestruale non sono ancora chiare e sono multifattoriali probabilmente come conseguenza dell’interazione e dei cambiamenti biochimici tra le fluttuazioni ormonali del ciclo mestruale (squilibrio come carenza di progesterone ed eccesso di estrogeni) con neurotrasmettitori centrali (γ-aminobutirrico (GABA) e colecistochinina serotonina) e processi cerebrali alterati, vulnerabilità genetica e regolazione del sistema renina-angiotensina-aldosterone. Ricerche precedenti hanno riportato che vari altri fattori come mancanza di calcio, vitamine e minerali, fattori psicologici (stress, depressione e ansia), genetici e stile di vita (consumo di alcol, fumo, mancanza di esercizio fisico e abitudini alimentari ) oltre allo stress ossidativo e all’infiammazione sono correlati all’incidenza della sindrome premestruale.

Qual è l’eziopatogenesi che porta a cambiamenti mitocondriali nella psicosomatica premestruale e i suoi sintomi comportamentali?
   1. sindrome premestruale e ormoni

La sindrome premestruale è correlata ai livelli di ormone ovarico in base al fatto che l’assenza di sintomi della sindrome premestruale prima della pubertà, durante la gravidanza, dopo la menopausa e durante il trattamento con l’analogo dell’ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH). Alcune donne sono più sensibili all’azione del progesterone. Gli ormoni ovarici, gli estrogeni e il progesterone sono influenzati sono sensibili ai recettori della serotonina (5-HT). I pazienti con sindrome premestruale hanno mostrato:

  • una risposta 5-HT inferiore a un precursore 5-HT, il triptofano, durante la fase luteale rispetto alla fase follicolare o media luteale;
  • alti livelli di progesterone e bassi livelli di estrogeni nella fase luteale, che innescano un umore depressivo;
  • bassi livelli di allopregnanolone. L’allopregnanolone è un metabolita del progesterone, e regola il livello di GABA (acido gamma-aminobutirrico) nel sangue. Può accadere infatti che mentre prima della fase luteale l’allopregnanolone è in buona concentrazione, nella fase luteale la concentrazione diminuisca, provocando aggressività, depressione e ansia dell’umore. Si ipotizza che gli steroidi sessuali e l’allopregnanolone possano influenzare i sintomi della sindrome premestruale in quanto i loro recettori prevalgono nell’ipotalamo o nell’amigdala del cervello e superano facilmente la barriera ematoencefalica.

Inoltre è stato rilevato che i sintomi della sindrome premestruale sono legati alla super attivazione del sistema renina-angiotensina-aldosterone.

   2. sindrome premestruale e infiammazione: lo stress ossidativo

A volte, l’infiammazione aiuta le cellule ad abituarsi e sopravvivere a condizioni di stress. I sintomi della sindrome premestruale sono legati anche all’aumento delle reazioni infiammatorie e allo stress ossidativo. Una ricerca ha rilevato che le donne con sindrome premestruale avevano concentrazioni più elevate di marcatori di stress ossidativo. Le relazioni positive tra F2-isoprostane con sintomi psicologici (rabbia, tensione e pianto) possono forse essere spiegate da un disturbo originale nel sistema neuroendocrino neurotrasmettitore GABAergico da parte di specie reattive dell’ossigeno (ROS). I ROS provocano variazioni nei livelli di questi neurotrasmettitori e possono probabilmente causare danni alle cellule neuronali, producendo cambiamenti del comportamento (aumento dell’appetito e dell’obesità) e dell’umore e la progressione dei sintomi di depressione e ansia.

Oltre a ciò, alcuni studi hanno riportato che le variazioni nelle funzioni mitocondriali come la polarità della membrana e la fosforilazione ossidativa, il potenziale aumento dell’apoptosi, dell’ossidazione e dello stress, possono precedere lo sviluppo di sintomi depressivi. Ciò è legato alla disfunzione mitocondriale in cui è richiesto il legame dei neurotrasmettitori ai recettori per l’attivazione della segnalazione a valle dell’ATP. L’associazione tra disfunzione mitocondriale e psicopatologia è stata evidenziata da una correlazione trovata tra i punteggi della scala di valutazione della depressione e la biochimica alterata. Infatti, depressione, ansia, autismo, disturbi psicotici, morbo di Alzheimer e morbo di Huntington sono collegati alla riduzione dell’ATP e alla sua relazione con lo stress ossidativo.

Le caratteristiche comuni della sindrome premestruale sono i disturbi psicologici (depressione, ansia, ecc.) e somatici che coinvolgono l’eziologia dell’infiammazione cronica, che si verifica quando le cellule produttrici di citochine rimangono attivate. Uno studio sulle donne con sindrome premestruale ha riportato una correlazione tra livelli elevati di fattori infiammatori (IL-2, IL-4, IL-10 e IL-12) e il punteggio totale dei sintomi nella sindrome premestruale; inoltre sono state notate (Johnson et al.) correlazioni più elevate per IL- 12, IL-10 e sintomi della sindrome premestruale. Uno degli studi ha mostrato la relazione tra ansia e IL-10.


Sindrome premestruale: come viene affrontata ora

Vari interventi terapeutici sono stati scientificamente confermati utili nella sindrome premestruale che vanno dalla gestione non farmacologica (terapia cognitivo comportamentale, modifica dello stile di vita e dieta, educazione, esercizio fisico e farmaci complementari e a base di erbe) alla terapia ormonale farmacologica (agonisti dell’ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH) OCP, ecc.) e farmaci psicotropi (benzodiazepine e inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina).

Nonostante un ragionevole tasso di successo di queste farmacoterapie per la sindrome premestruale, ciascuna ha un profilo di effetti avversi sostanziali (insonnia, disforia, nausea, sudorazione, crampi muscolari e tremore). Le donne con sintomi di sindrome premestruale sono spesso riluttanti ad assumere SSRI e altri farmaci convenzionali, in parte perché provoca effetti collaterali. Pertanto, la maggior parte delle donne si sta rivolgendo a medicine complementari e alternative per curare i propri sintomi.


Sindrome premestruale rimedi naturali: ecco quali

La sindrome premestruale, come detto, abbassa significativamente la qualità della vita e compromette le relazioni personali e sociali nelle donne in età riproduttiva. Vari integratori alimentari ed erbe hanno mostrato attività neuro-psico-farmacologica con proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. All’inizio di un trattamento noi consigliamo sempre anche un depurativo naturale.

Erbe come polypodium, zafferano, agnocasto, semi di anice, finocchio, curcuma, così come alcune vitamine e minerali sono state studiate nella sindrome premestruale in questa revisione scientifica: “Role of Inflammation, Oxidative Stress, and Mitochondrial Changes in Premenstrual Psychosomatic Behavioral Symptoms with Anti-Inflammatory, Antioxidant Herbs, and Nutritional Supplements. Questo studio pubblicato quest’anno, 2022, mira a esaminare e analizzare vari problemi relativi all’infiammazione, allo stress ossidativo e ai cambiamenti mitocondriali nella psicosomatica premestruale e ai suoi sintomi comportamentali verso l’implicazione terapeutica dell’antinfiammatorio a base di erbe e antiossidanti. Tenendo conto le possibili cause addotte alla sindrome premestruale, riportate già sopra, ecco l’utilità che potrebbe dare la fitoterapia:

An external file that holds a picture, illustration, etc. Object name is OMCL2022-3599246.006.jpg

An external file that holds a picture, illustration, etc. Object name is OMCL2022-3599246.007.jpg

Agnocasto proprietà e sindrome premestruale

AGNOCASTO | Erbenobili

Nella revisione sono stati raccolti dati fino a gennaio 2016 da vari database e  inclusi 17 studi su Agnocasto; sono stati riassunti i vari studi anche in una rassegna (Wuttke e coll., Phytomedicine).

L’agnocasto è dato dal frutto maturo, essiccato, di Vitex agnus-castus L., della famiglia delle Verbenacee. Si ritiene che il suo nome derivi dalla credenza che esso possa inibire la libido; infatti una tintura di bacche fresche veniva tradizionalmente usata dai monaci per reprimere gli impulsi sessuali. I frutti sono delle bacche nere contenenti 4 semi. Il frutto maturo contiene glicosidi iridoidi (es aucubina, agnoside), flavonoidi (es. casticina), terpeni (es. rotundifurano, vitexilattone) e alcaloidi (es vaticina).

Per quanto riguarda Agnocasto, proprietà importanti sono emerse in relazione alla sindrome premestruale: molte donne che lamentano la sindrome premestruale presentano infatti un’iperprolattinemia latente associata ad insufficienza del corpo luteo. Alla luce di ciò è interessante notare che l’agnocasto inibisce la secrezione di prolattina. L’effetto inibente la secrezione di prolattina è stato osservato in pazienti che ricevevano dosi terapeutiche di estratto. Tale effetto sembra sia dovuto alla sua azione selettiva sul recettore dopaminergico D2, situato sull’ipofisi anteriore. A conferma di tale ipotesi sono stati identificati nell’agnocasto diversi composti ad attività dopaminergica. L’agnocasto non modifica i livelli ematici dell’ormone luteinizzante e dell’ormone follicolo-stimolante.

La Commissione E tedesca raccomanda l’utilizzo dell’agnocasto nei casi di irregolarità del ciclo mestruale, nella sindrome premestruale e per alleviare la mastodinia. Negli studi clinici in doppio cieco, con placebo, è stato osservato che la mastodinia è il disturbo della sindrome premestruale che risponde di più all’azione terapeutica dell’agnocasto. Inoltre effetti benefici sono stati osservati anche per altri sintomi psichici e somatici della sindrome, anche se questi sono stati descritti in studi clinici meno rigorosi da un punto di vista metodologico. Trovi qui l’integratore specifico.

Zafferano e sindrome premestruale

Come si coltiva lo zafferanoGli studi hanno dimostrato che lo zafferano ha proprietà antiossidanti. Studi clinici mostrano la capacità dell’estratto di zafferano di riequilibrare il tono dell’umore. Può essere utile in caso di depressione, stress e esaurimento mentale. Allevia i sintomi della sindrome premestruale. A tal proposito trovi qui un integratore specifico, a base di SaffSerene, un estratto brevettato di zafferano efficace nel trattamento della sindrome premestruale (riduzione dei sintomi del 50% in uno studio di 4 mesi condotto su 50 donne) e nel ridurre significativamente il punteggio della scala di Hamilton per la depressione.

Polipodio volgare rizoma e sindrome premestruale

Lugano al verde - Il polipodio sottilePolypodium vulgare ha mostrato una significativa riduzione della scala dei sintomi premestruali. Esso è indicato per vari disturbi come malinconia, epilessia, demenza, artrite, dolore addominale e altre malattie neurologiche poiché possiede proprietà esilaranti al cervello e al cuore. Il rizoma di Polipodio contiene vari composti organici come resine, tannini, steroidi, flavonoidi, glicosidi, proteine ​​e zuccheri riduttori e vari composti inorganici come ferro, calcio, magnesio, potassio, zolfo e cloruro. La sua cenere contiene una grande quantità di carbonato di potassio.

Contiene anche fitoecdisteroidi, identificati come 20-idrossiecdisone e polipodina B, dai noti effetti antiossidanti e neuroprotettivi. Un rapporto di ricerca ha mostrato che questi hanno probabilmente un impatto sull’attività del SNC non solo a causa degli effetti neuromodulatori sul recettore GABA A, ma anche in parte a causa del metabolismo dei neurotrasmettitori (ridotta degradazione dell’acetilcolina e aumento della sintesi di GABA) e attività del sistema immunitario, proprietà antiossidanti, antimicrobiche e antiproliferative.

Il contenuto di flavonoidi negli estratti di Polipodium rizoma secondo HPLC-DAD sono catechina, naringenina, resveratrolo e quercetina. La quercetina, un flavonoide, inibisce le MAO-A (monoamino ossidasi, che modulano le vie del segnale coinvolte nella sopravvivenza e nella morte neuronale). Inoltre, i bioflavonoidi presenti in P. vulgare sono principalmente noti come modulatori dello stress.

Nella revisione scientifica in oggetto, l’estratto di polipodio ha:

  • ridotto i sintomi psicologici poiché ha proprietà antidepressive e aumenta la disponibilità di triptofano poiché gli studi hanno dimostrato che i pazienti con sindrome premestruale mostrano una risposta 5-HT inferiore al triptofano durante la fase luteale.
  • un effetto tranquillante, miglioramento della ritenzione della memoria, attività inibitoria della colinesterasi, attività anticonvulsivante, depressiva del SNC e antiepilettica.
  • mostrato attività neuro-psico-farmacologica, con riduzione dei sintomi neuropsicologici come tensione, ansia, irritabilità, depressione, sbalzi d’umore, cambiamenti del sonno, smemoratezza e confusione.
Omega 3 e sindrome premestruale

omega 3 miglioriI micronutrienti migliorano la qualità della vita e i nutrienti sono stati utilizzati per alleviare i sintomi della sindrome premestruale per decenni, ma gli studi sulla loro efficacia sono rari. Le prime evidenze suggeriscono che l’omega-3 abbia un’azione utile sui sintomi fisici e psicologici premestruali. Omega-3 controlla l’infiammazione e l’omeostasi dei tessuti.

Zinco e sindrome premestruale

Uno studio ha riportato che i livelli sierici di fattore neurotrofico cerebrale (BDNF) nella fase luteale erano più bassi nelle donne con sindrome premestruale. La somministrazione di integratori di zinco nella sindrome premestruale ha causato un aumento significativo del BDNF rispetto al placebo. Lo zinco ha attività antiossidante, antinfiammatoria e antidepressiva. Questa funzione è probabilmente dovuta al suo contributo all’aumento dell’espressione genica del BDNF. Potrebbe influenzare i marcatori infiammatori, vale a dire, la proteina C-reattiva ad alta sensibilità (hs-CRP) e, quindi, migliorare i sintomi della sindrome premestruale.

Inoltre, Zn2+ ha un ruolo inibitorio sui recettori GABA-A extra sinaptici sensibili ai neurosteroidi. Uno studio ha scoperto che nell’ippocampo, lo zinco aumenta la proteina BDNF e l’mRNA. Induce la metalloproteinasi della matrice (MMP) che innesca la proteinasi chinasi correlata alla tropomiosina, portando successivamente al rilascio di pro-BDNF dalle cellule e convertendosi in BDNF. BDNF supporta la differenziazione e la sopravvivenza della serotonina nei neuroni. Inoltre, si pensa che lo zinco contrasti l’eccesso di ROS nel corpo e inibisca la NADPH ossidasi.

Vitamina D3 e sindrome premestruale

Vitamina D naturale: vit. D3 Biosline 2000 UI 50 mlIl meccanismo di come la vitamina D (da lichene) riduca l’infiammazione si basa sul fatto che l’azione del calcitriolo (forma attiva della vitamina D3) è mediata dalle interleuchine. In particolare, la vitamina D3 inibisce la produzione di IL-12 nei macrofagi attivati, favorisce una downregulation ciclica dell’espressione di IL-12B all’inizio dell’infiammazione. Inoltre agirebbe sulla IL-10, che ha una funzione immunitaria antinfiammatoria e ha effetti sul cervello e sul comportamento, partecipando all’ansia, alla modulazione dell’umore e ai sintomi della depressione. Alcuni studi hanno riportato che il punteggio medio dei sintomi totali della sindrome premestruale è migliorato significativamente insieme a un miglioramento significativo del marker di infiammazione. Sulla base dei risultati, dopo il trattamento con vitamina D, l’aumento dei livelli sierici di vitamina D ha determinato un miglioramento dello stato antiossidante nelle donne con sindrome premestruale.

Curcumina e sindrome premestruale

Curcumina - Quali sono i migliori integratori alimentari che la contengono

Arabnezhad et al. hanno riferito che la curcumina migliora i livelli sierici di vitamina D, ma non solo! La curcumina ha attività antinfiammatoria, antiossidante e neuroprotettiva. Nell’ultimo decennio, vari studi scientifici hanno stabilito che la curcumina può ridurre i livelli di neurotrasmettitori (dopamina, BDNF, noradrenalina e serotonina) responsabili della regolazione dell’umore e del comportamento. Negli animali stressati, la curcumina ha impedito una diminuzione dei livelli di BDNF nell’ippocampo a livelli paragonabili all’imipramina.

Inoltre, il suo trattamento esercita forti effetti antidepressivi simili a fluoxetina e imipramina, noti farmaci antidepressivi. Vari processi fisiologici nel cervello come emozioni, sonno, attenzione, sogno e apprendimento sono controllati dalla noradrenalina. Può sottoregolare l’espressione genica dell’enzima COX-2 e quindi inibire la sintesi delle prostaglandine. Khayat et al. hanno riferito che i livelli di neurotrasmettitori erano aumentati dalla curcumina che migliorava l’umore e i sintomi comportamentali della sindrome premestruale e attraverso l’inibizione dell’enzima COX-2 riduceva i sintomi fisici delle mestruazioni.

Camomilla e sindrome premestruale

Camomilla: proprietà, principi attivi e modi d'uso - Riza.itLa camomilla è utile per ridurre la gravità dei sintomi premestruali in quanto possiede attività antinfiammatorie, antiossidanti, ansiolitiche, antistaminiche, antispasmodiche, analgesiche e antidepressive. Il composto di apigenina presente nella camomilla riduce l’impatto degli ormoni sul corpo e sulla mente e sui neurotrasmettitori di eccitazione, sul sistema nervoso simpatico iperattivo. Modula l’attività della dopamina e della serotonina e riduce l’impatto dei sintomi depressivi. Inoltre, riduce la sensazione di dolore inibendo l’enzima COX e riduce la risposta infiammatoria del sistema immunitario.

Il suo olio essenziale ha attività antispasmodiche e rilassanti ed è benefico per calmare i sintomi associati alla sindrome premestruale. Uno studio ha confrontato l’efficacia dei noti farmaci antinfiammatori, dell’acido mefenamico e dell’ibuprofene con l’estratto di camomilla per alleviare la sindrome premestruale. È anche efficace per alleviare lo stress e l’ansia come apigenina, luteolina, glicina e flavonoidi poiché la molecola stimolante del SNC è un rilassante nervoso.

Nigella sativa e sindrome premestruale

Black Cumin Seeds Nigella sativa Pacchetto di 50 Semi Palm - Etsy ItaliaNigella sativa ha attività antiossidante, immunomodulante, antinfiammatoria e antitumorale. L’olio estratto di Nigella sativa contiene timochinone, che riduce significativamente i livelli di IL-6. Nigella sativa inoltre potrebbe probabilmente agire direttamente o indirettamente sui recettori degli estrogeni e portare a cambiamenti sostanziali nel livello di estrogeni.

 

 

 

Finocchio e sindrome premestruale

Finocchio e semi di finocchio: proprietà per lo stomaco e la digestioneIl finocchio riduce significativamente i tempi di recupero dell’afflusso di calcio e sopprime la fosforilazione di MAPK, nonché la fosforilazione di JNK, ERK e p38, con la segnalazione a valle che porta alla degranulazione e all’attivazione degli scoppi respiratori e nei neutrofili umani. L’inibitore della proteina chinasi (PKA) H89 del finocchio ripristina in parte la generazione di anioni superossido, insieme all’effetto inibitorio sul tempo di recupero dell’afflusso di calcio, e indica un ruolo della via cAMP/PKA negli effetti antinfiammatori del finocchio. L’estragone di finocchio ha mostrato effetti antinfiammatori in vitro.

Aglio e sindrome premestruale

Postillare Rivista: Aglio: Allium sativum L.Il meccanismo d’azione di Allium sativum (l’aglio) è l’immunoregolazione e la modulazione della secrezione di citochine con effetti terapeutici per la sindrome metabolica come proprietà antipertensive, antidiabetiche e ipolipidemiche. Prove convincenti confermano la capacità dell’estratto di aglio di proteggere dalle malattie indotte dall’ossidante, ovvero riducendo il rischio di cancro, malattie cardiovascolari, invecchiamento e ictus. Inoltre, è efficace nei disturbi neurodegenerativi causati dal danno alle cellule cerebrali mediato da ossidanti, in particolare nel morbo di Alzheimer.

Diversi studi hanno riportato che l’assunzione di aglio probabilmente inibisce l’aggregazione della proteina β-amiloide nel cervello umano. L’aglio, forse riducendo lo stress ossidativo cerebrale, riduce i comportamenti di ansia e depressione nei ratti diabetici. La ricerca ha anche dimostrato che la somministrazione di aglio nei ratti inibisce la monoaminossidasi-A e la monoaminossidasi-B, dimostrando la sua attività simile ad un antidepressivo ed inoltre aumenta i livelli di serotonina nel cervello.

 

Anice e sindrome premestruale

Anice: proprietà, uso, valori nutrizionali - Cure-Naturali.itI meccanismi d’azione per gli effetti dei fitoestrogeni non sono chiari nella sindrome premestruale; tuttavia, ci sono prove indicative che i fitoestrogeni possano agire attraverso un recettore degli estrogeni indipendente. Vari studi hanno confermato che i fitoestrogeni si legano ai recettori degli estrogeni e mostrano significativi effetti simili agli estrogeni. Il meccanismo dell’anice è paragonabile ai moderatori selettivi dei recettori estrogenici che hanno effetti agonisti oltre che effetti antagonisti sui recettori estrogenici. L’anetolo presente nell’anice è considerato l’agente estrogenico attivo e queste erbe sono considerate fitoestrogeni.

 

 


Sindrome premestruale: conclusioni

Secondo i suggerimenti della revisione, la gestione della sindrome premestruale necessita di un metodo olistico integrato. Allo stesso modo, una terapia personalizzata e un piano di gestione per un individuo sarebbe pratico poiché il tipo, il numero e la gravità dei sintomi della sindrome premestruale variano da individuo a individuo. Ad esempio, se i sintomi premestruali sono da lievi a moderati, i cambiamenti nella dieta e nello stile di vita causano una cura. Molti prodotti vegetali sono utili per alleviare i sintomi della sindrome premestruale. Il trattamento farmacologico è suggerito se i sintomi iniziano ad avere un effetto contraddittorio sulla vita quotidiana.

Dott.ssa Laura Comollo


Seguici sui nostri canali Facebook Instagram

TUTTI I DIRITTI RISERVATI, IL PRESENTE TESTO NON E’ RIPRODUCIBILE SENZA ESPRESSA AUTORIZZAZIONE DI ERBORISTERIACOMO.IT

Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.