Arriva l’inverno e arrivano i primi raffreddori e sintomi influenzali: scopri i rimedi naturali raffreddore con la fitoterapia! ecco i nostri consigli efficaci anche in epoca Covid.

     


Una società sempre più evoluta, tecnologica, sempre più proiettata verso grandi conquiste viene messa in serio pericolo da un minuscolo frammento di DNA, un virus, che spaventa il mondo intero, che fa crollare le borse asiatiche e che trascina con sè paure e reazioni a catena. Parliamo del Coronavirus, o Covid 19. Abbiamo superato il lockdown della primavera 2020, ora si rientra dopo l’estate chi al lavoro, chi a scuola, anche se col Covid 19 dovremo conviverci anche quest’inverno. Ma d’inverno si sà, raffreddore e sintomi influenzali sono sempre in agguato: ecco come affrontarli serenamente senza allarmismo.

Come prevenire la trasmissione del Covid19: linee guida del Ministero

Linee Guida del Ministero della Salute per prevenire la trasmissione di COVID-19:

  1. obbligo dell’utilizzo delle mascherine, rispetto della misura del distanziamento sociale di almeno 1 metro tra le persone, lavaggio corretto e frequente delle mani (art. 1 DPCM);
  2. non toccare gli occhi, il naso o la bocca; tossire o starnutire nella piega del gomito o usare un fazzoletto di carta, coprendo il naso e la bocca;
  3. se non ci si sente bene, restare a casa; in caso di febbre, tosse e difficoltà respiratorie, contattare l’assistenza sanitaria.
Detto questo il nuovo coronavirus può causare sintomi lievi come raffreddore, mal di gola, tosse e febbre, oppure sintomi più severi quali polmonite e difficoltà respiratorie.

Secondo il Rapporto ISS n.58/2020, EDCD 31 luglio 2020, ecco i sintomi Covid19 su bambini, validi anche per gli adulti, che potrebbero indurre il medico a richiedere il tampone: febbre oltre i 37,5°C, tosse secca stizzosa, raffreddore (naso chiuso, secrezioni nasali chiare sierose o giallognole mucose, tosse, starnuti, cefalea, irrequietezza notturna), diarrea o sintomi gastrointestinali (vomito, diarrea con almeno tre scariche liquide o non formate), rinite acuta (da non intendersi come “nasino che cola”), congiuntivite, faringodinia, dispnea, mialgia.


Prime regole per prevenire Covid19: alcune precisazioni

disinfettante

  • Lavaggio accurato delle mani: esso rappresenta, attualmente, il “trattamento preventivo” più utile tra quelli che si possono al momento proporre per evitare la trasmissione del coronavirus, ma anche di tutti gli altri virus influenzali respiratori, tipici della stagione invernale. Secondo le Linee guida del Ministero della Salute, per ridurre l’esposizione e la trasmissione di una serie di malattie respiratorie, utilizzare per disinfettare le mani prodotti a base alcolica (oltre il 60% di alcol).
  • Ecco come lavare le mani con un gel alcolico per prevenire il contagio da coronavirus: bastano 20-30 secondi! occorre applicare un’idonea quantità di prodotto sulle mani pulite, strofinare i palmi delle mani, frizionare il palmo sul dorso della mano opposta intrecciando tra di loro le dita, ripetere l’operazione palmo contro palmo, strofinare il dorso delle dita con il palmo opposto, frizionare i pollici con il palmo della mano opposta, disegnare dei cerchi con le punte delle dita sul palmo della mano opposta. Una volta asciutte il procedimento è completato.
  • Uso della mascherina dai 6 anni in su. Sì ma quale? Come riporta il Ministero della Salute, in comunità possono essere utilizzate mascherine monouso o mascherine lavabili a 60°C (“mascherine di comunità“), in materiali multistrato idonei a fornire un’adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate, che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso. Queste mascherine hanno il solo scopo di ridurre la circolazione del virus nella vita quotidiana e non sono soggette a particolari certificazioni, quindi NON devono essere considerate né dei dispositivi medici, né dispositivi di protezione individuale, ma una misura igienica utile a ridurre la diffusione del virus SARS-COV-2.

Nel caso in cui compaiano sintomi di infezione respiratoria è necessario l’utilizzo di mascherine certificate come dispositivi medici. Le mascherine chirurgiche sono le mascherine a uso medico, sviluppate per essere utilizzate in ambiente sanitario e certificate in base alla loro capacità di filtraggio. Rispondono alle caratteristiche richieste dalla norma UNI EN ISO 14683-2019 e funzionano impedendo la trasmissione.

Una precisazione: purtroppo la mascherina obbligatoria indossata per tanto tempo può portare in individui sensibili una vera e propria dermatite nel luogo in cui la mascherina copre la pelle; questo potrebbe essere dovuto a sostanze errate spruzzate sulla mascherina per disinfettarla oppure per chi ha la pelle sensibile facilmente irritabile per mancanza di sufficiente aerazione. In quest’ultimo caso sarebbe utile utilizzare un olio alla calendula, una crema viso pelle sensibile lenitiva e antinfiammatoria, o una crema brufoli antinfiammatoria, oppure questo dispositivo medico prima di mettere la mascherina e al termine della giornata, quando si toglie la mascherina.


Come rafforzare il sistema immunitario con rimedi naturali fitoterapici

Prevenire è meglio che curare! Oltre a rispettare le Linee Guida del Ministero, occorre rafforzare il sistema immunitario, come sempre prima dell’arrivo dell’inverno. Ecco i rimedi naturali raffreddore per rafforzare il sistema immunitario:

  • nei bambini sotto i 3 anni l’immunomodulante più consigliato, anche da numerosi studi datati 2020, è la vitamina D3. Su erboristeriacomo.it trovi la vitamina D3 completamente naturale ed in gocce: per i neonati si consigliano 4 gocce al giorno direttamente sul cucchiaino senza acqua.
  • nei bambini sopra i 3 anni l’immunomodulante naturale, fitoterapico, che possiamo consigliare come erboristeriacomo.it è Fitosostegno junior sciroppo, a base di estratto molle di erica ad azione immunomodulante (con studi scientifici noti), rosa canina come ricostituente e sostegno, con miele. Fino ai 12 anni è sconsigliato l’uso di echinacea. Consigliabile magari sospendere ogni 20 giorni l’immunomodulante per alternarlo ad Erboflora junior per rinforzare la flora batterica.
  • per gli adulti, o comunque sopra ai 12 anni, tra i nostri rimedi naturali raffreddore immunostimolanti vi sono Papaya Fermentata Orac Master 2 mesi o Fitosostegno sciroppo che vanta azione immunomodulante grazie sempre all’estratto molle di erica coadiuvato dall’azione ricostituente di rosa canina e l’uncaria per le naturali difese dell’organismo. Durante l’utilizzo dell’immunostimolante, si può fare una pausa dopo 20 giorni con 10 giorni con fermenti Erboflora prima di riprendere. Per chi invece ha patologie come diabete, artrite reumatoide, patologie cardiovascolari, psoriasi, patologie autoimmuni in genere è sconsigliato assumere echinacea, uncaria, astragalo in quanto si verificherebbe una iperespressione di IL6, quindi la Papaya fermentata sarebbe più raccomandata. Per proteggersi dal Covid è invece raccomandato controllare i propri livelli di vitamina D3 quanta più vicina possibile ai valori di normalità, identificati attualmente tra 40 e 60 ng/ml: tutto questo è necessario affinchè, se dovessimo incontrare lungo il cammino della nostra vita il Sars cov 2 potremmo gestire al meglio il rischio di eventi avversi, quindi ricordiamoci che è importante l’esposizione al sole, altrimenti andrebbe integrata. Sembrerebbe infatti che, come indicato dall’Istituto superiore di sanità, “nelle fasi più avanzate di COVID19 l’attività immunomodulatoria della vitamina D potrebbe contribuire a ridurre il danno legato all’iper-infiammazione nei pazienti con severe di malattia, in quanto potrebbe cooperare con l’interferone di tipo 1 nella risposta antivirale: potrebbe quindi  rivelarsi di grande importanza in considerazione del fatto che dati recenti della letteratura indicano che le complicanze dell’infezione sa SARS coV2 possono essere conseguenti ad una produzione insufficiente o ritardata di interferone nella primissima fase dell’infezione”.

Rimedi naturali Mal di gola e prime faringiti invernali

In caso di mal di gola e faringite: utilissimi sono i prodotti per rimedi naturali raffreddore e la gola a base di estratti di Propoli, purchè ad alta titolazione in flavonoidi totali come galangina (la titolazione è importante da considerare per discriminare i vari prodotti sul mercato!). Il prodotto migliore sarebbe quello ottenuto attraverso la tecnica della criomacinazione a basse temperature, che preservi la qualità evitando la denaturazione delle sostanze termolabili. Se ne cerchi una di ottima qualità guarda Propoli gocce, migliore in concentrazione della tintura di propoli classica e utile anche per applicazioni locali e toccature, senza glutine). Per i bambini ottimo anche lo sciroppo Propoli mela. Per chi desidera può anche aggiungere una bella tisana calda per la gola.


Rimedi naturali Raffreddore e influenza, per affrontarli serenamente

Ecco dalla fitoterapia i nostri rimedi naturali raffreddore e in caso di temperatura corporea fino ai 37-37,2°C:

  • senza tosse: utilizzare il fitoterapico Influcure, a base di estratto di pelargonium sidoides titolato e standardizzato in polifenoli e umkalina, definito anche “l’antivirale naturale”, una bustina 2 volte al giorno o due bustine insieme alla sera sciolte in acqua tiepida in tazza da tisana, in associazione con una compressa di vitamina C1000 fast 2 volte al giorno e lo spray Fitoialo (simile a rinazina spray nasale ma senza il cortisone che fa gonfiare i seni paranasali!) per almeno 5 giorni;
  • con tosse secca ma senza catarro: altea sciroppo (anche per diabetici) o stick, sfruttando l’azione di altea mentre in caso di sinusite utile il dispositivo medico Fitoialo spray. La Commissione E tedesca riporta che l’altea allevia l’irritazione, stimola la fagocitosi ed inibisce l’attività mucociliare, che è di beneficio nei casi di irritazione della mucosa orale e della faringe associata a tosse secca. “Tutte le parti dell’altea contengono mucillagini e ciò caratterizza l’attività della pianta come emolliente e antinfiammatoria: risulta utile pertanto nelle affezioni broncopolmonari grazie all’azione emolliente e lenitiva, oltre che nel trattamento della bronchite e della tracheite. E’ stata segnalata inoltre anche un’attività immunostimolante” (E. Campanini, Terapie complementari in geriatria). Per i bambini è ottimo anche lo sciroppo Propoli mela, simile al noto grintuss. Per chi desiderasse anche una tisana gola espettorante potrebbe giovare.
  • con tosse con catarro: mucocure bustine, a base di adhatoda vasica e pelargonium sidoides, una bustina una volta al giorno sciolta in acqua calda in tazza da tisana, per sfruttare l’azione mucolitica, antivirale, e agisce senza le controindicazioni della N acetilcisteina. A mucocure si può associare una compressa di vitamina C1000 fast due volte al giorno e fitoaerosol una fiala due volte al giorno (per i bambini invece è utile fitoaerosol junior dai 3 anni in su: dai 3 ai 6 anni si può usarne metà fiala e diluirla in fisiologica e fare l’altra metà nel tardo pomeriggio). Fitoaerosol e fitoialo spray sono a base di estratto di semi di pompelmo.

Sei soggetto alle allergie primaverili? ricordati di prepararti ora!

Preparati da ora a combattere l’allergia stagionale dei mesi che verranno. Un aiuto dalla natura è Ribes nero ottenuto dalla macerazione delle gemme fresche di Ribes Nigrum e l’estratto molle di Perilla è un ottimo immunomodulante utile per le naturali difese dell’organismo. Qui trovi il nostro fitoterapico Fitoallergy gocce, da iniziare ad assumere almeno 60 giorni prima dell’inizio dell’allergia primaverile.

Dott.ssa Laura Comollo


Per qualsiasi chiarimento o per maggiori informazioni Contattaci.

Seguici sui nostri canali Facebook Instagram

TUTTI I DIRITTI RISERVATI, IL PRESENTE TESTO NON E’ RIPRODUCIBILE SENZA ESPRESSA AUTORIZZAZIONE DI ERBORISTERIACOMO.IT


Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico.