News & Blog

Ganoderma: proprietà e benefici di un fungo millenario

Ganoderma: proprietà e benefici di un fungo millenario

Ganoderma lucidum è il fungo più noto nella micoterapia e probabilmente anche quello con il numero più elevato di studi ed è generalmente conosciuto con il nome giapponese di “Reishi”, mentre il nome cinese è Ling Zhi o Ling chi. Questo basidiomicete ha il cappello  quasi ovoidale di forma e piano, la sua superficie è ondulata ed irregolare, tuttavia risulta liscia e molto lucida. Visivamente tutta la superficie del cappello del Ganoderma lucidum è suddivisa in molteplici anelli di crescita. Il gambo è laterale, dello stesso colore del cappello. La carne è legnosa, molto coriacea, di colore bianco-ocra. Saprofita di ceppi o legni di latifoglie, specialmente di quercia, cresce dalla primavera all’autunno.

Ganoderma fungo millenario

Il fungo Reishi è apprezzato per le sue proprietà terapeutiche nei paesi orientali, soprattutto in Cina, Malesia, Giappone, dove viene intensamente coltivato, essiccato e trasformato in preparati a uso medicinale (polvere, decotti, unguenti, compresse, ecc). La parola latina lucidus significa "lucido" o "brillante" e si riferisce all'aspetto verniciato della superficie del fungo.

Il Lingzhi è stato riconosciuto come un fungo medicinale per oltre 2000 anni e i suoi potenti effetti sono stati documentati in antiche scritture (Wasser 2005). Nel Supplemento al classico della Materia Medica (502-536 d.C.) e del Ben Cao Gang Mu di Li Shin-Zhen, che è considerato la prima farmacopea in Cina (1590 d.C., dinastia Ming), al fungo furono attribuite proprietà tonificanti, l’aumento dell'energia vitale, il rafforzamento della funzione cardiaca, l’aumento della memoria ed effetti antiaging.

In micoterapia si utilizzano il cappello e il gambo del fungo. È usato principalmente come immunomodulante.

Ganoderma: i principi attivi

I costituenti attivi includono polisaccaridi e triterpeni tra cui gli acidi ganoderici. Alcuni polisaccaridi presenti nel Reishi, i beta-glucani, hanno dimostrato attività antitumorale e immunostimolanti ed inoltre possono indurre la maturazione dei monociti normali e dei blasti leucemici (cellule immature) in cellule dendritiche. I triterpeni identificati hanno effetti adattogeni, anti-ipertensivi, anti-allergici ed inoltre possono inibire l’invasione tumorale riducendo l’espressione delle metalloproteinasi e diminuendo le metastasi tumorali limitando l’attaccamento alle cellule endoteliali.

Oltre a questi, i funghi contengono un'ampia varietà di molecole bioattive, come steroidi, fenoli, nucleotidi e loro derivati, glicoproteine. Le proteine del fungo contengono tutte gli amminoacidi essenziali e sono particolarmente ricche di lisina e leucina.

Il basso contenuto di grassi totali e l'elevata percentuale di acidi grassi polinsaturi rispetto agli acidi grassi totali dei funghi sono considerati contributi significativi al valore di salute dei funghi (Chang e Buswell 1996, Borchers et al., 1999; Sanodiya et al., 2009).

Potassio, calcio, fosforo, magnesio , selenio, ferro, zinco e rame rappresentano la maggior parte del contenuto di minerali (Borchers et al., 1999) di questo fungo. Il Ganoderma contiene anche Germanio organico (secondo le ricerche del Dr. Kazuhiko Asai, contiene 800-2000 parti per milione di germanio, cioè 4-6 volte più della quantità contenuta nel Panax Ginseng): sebbene il germanio non sia un elemento essenziale, a basse dosi, è stato accreditato con attività immunopotenzianti, antitumorali, antiossidanti e antimutagenici (Kolesnikova, Tuzova e Kozlov 1997). Il germanio organico è un oligoelementi che si rivela fondamentale per migliorare l’ossigeno a livello cellulare e proprio per questo motivo è considerato un potente antiossidante. La sua presenza è raccomandata in tutti i casi di patologie croniche degenerative, sia cardiovascolari che del metabolismo in genere (diabete, dislipidemie, cancro).

Ganoderma: proprietà e benefici

Studi sempre più numerosi sul ganoderma (1) sono andati a verificare le attività degli estratti di Reishi, tra cui:

- aumentare le difese immunitarie, attraverso la stimolazione di macrofagi, l'azione sui livelli di TNF-a (Tumor necrosis factor) e di interleuchine;

- aumentare la capacità antiossidante del plasma e migliorare le risposte immunitarie in alcuni pazienti oncologici;

- migliorare i sintomi del tratto urinario inferiore negli uomini inibendo la 5-alfa-reduttasi, un enzima importante che converte il testosterone in diidrotestosterone, che è sovraregolato nell’iperplasia prostatica benigna;

- avere effetti chemiopreventivi, alleviare la nausea indotta da chemioterapia, migliorare l’efficacia della radioterapia, e aumentare la sensibilità delle cellule tumorali ovariche al cisplatino. È risultato efficace anche nel prevenire la nefrotossicità indotta da cisplatino;

- esercitare effetti antidiabetici lievi e possono migliorare la dislipidemia;

- dimostare attività anti-ipertensiva come ACE-inibitore (Angiotensin Converting Enzyme) e una buona capacità antiossidante. Effetti cardio-protettivi sono stati evidenziati in uno studio del 2011 su 26 persone con ipertensione media;

- proteggere il fegato dalla tossicità indotta da diverse sostanze tossiche. Si è rilevato, inoltre, il potere protettivo in vivo contro necrosi epatiche indotte da sostanze nocive. Effetti positivi su pazienti con epatite B cronica sono stati evidenziati dalla frazione polisaccaridica del fungo. In qualche caso è stata descritta una remissione del carcinoma epatocellulare;

- agire da anti allergico: studi sull’azione anti-allergica hanno mostrato l’inibizione della produzione di istamina e, più in generale, una modulazione del sistema immunitario, con riassetto di un corretto equilibrio dei linfociti Th1/Th2. Studi in vivo hanno mostrato efficacia in casi di modelli di rinite allergica. Gli acidi ganoderici (principalmente l’acido ganoderico C) hanno mostrato attività antinfiammatoria sia per via sistemica che topica in vivo. Gli acidi A, B, G e H hanno mostrato un’attività maggiore dell’acido acetilsalicilico. Uno studio ha dimostrato che 50 mg di questo fungo hanno un effetto antinfiammatorio pari a 5 mg di idrocortisone. 

Sono in corso ulteriori ricerche per determinare la sua sicurezza ed efficacia, come coadiuvante nel trattamento del cancro o addirittura come antitumorale.

Ganoderma e interazioni con i farmaci

Per quanto riguarda le interazioni erbe-farmaci, gli studi hanno documentato interazioni con: anticoagulanti (Reishi può avere effetto inibitore sull’aggregazione piastrinica, Immunosoppressori (Reishi può migliorare le risposte immunitari), farmaci chemioterapici (va tenuto conto che il Reishi può aumentare notevolmente la capacità antiossidante del plasma).

Conclusioni

Concludendo, Ganoderma lucidum è un noto fungo asiatico con una vasta gamma di applicazioni. Con la sua crescente popolarità, sono in corso numerosi studi sulla composizione, sulla coltivazione e sugli effetti reputazionali di Ganoderma, e ci sono dati che supportano i suoi benefici per la salute positivi, compresi gli effetti antitumorali; regolazione della glicemia; effetti antiossidanti, antibatterici e antivirali; e protezione contro il fegato e lesioni gastriche.

Dott.ssa Laura Comollo

Visita il nostro reparto di erboristeria oppure contattaci per eventuali chiarimenti o per maggiori informazioni.

Fonti (1)

Huang K. The Pharmacology of Chinese Herbs. 2nd ed. New York: CRC Press; 1999.

Chen HS, Tsai YF, Lin S, et al. Studies on the immuno-modulating and anti-tumor activities of Ganoderma lucidum (Reishi) polysaccharides. Bioorg Med Chem. Nov 1 2004;12(21):5595-5601.

Gao Y, Zhou S, Wen J, et al. Mechanism of the antiulcerogenic effect of Ganoderma lucidum polysaccharides on indomethacin-induced lesions in the rat. Life Sci. Dec 27 2002;72(6):731-745.

Hsu MJ, Lee SS, Lin WW. Polysaccharide purified from Ganoderma lucidum inhibits spontaneous and Fas-mediated apoptosis in human neutrophils through activation of the phosphatidylinositol 3 kinase/Akt signaling pathway. J Leukoc Biol. Jul 2002;72(1):207- 216.

Wang SY, Hsu ML, Hsu HC, et al. The anti-tumor effect of Ganoderma lucidum is mediated by cytokines released from activated macrophages and T lymphocytes. Int J Cancer. Mar 17 1997;70(6):699-705.

Wachtel-Galor S, Szeto YT, Tomlinson B, et al. Ganoderma lucidum (‘Lingzhi’); acute and short-term biomarker response to supplementation. Int J Food Sci Nutr. Feb 2004;55(1):75-83.

Wachtel-Galor S, Tomlinson B, Benzie IF. Ganoderma lucidum (“Lingzhi”), a Chinese medicinal mushroom: biomarker responses in a controlled human supplementation study. Br J Nutr. Feb 2004;91(2):263-269.

Gao Y, Zhou S, Jiang W, et al. Effects of ganopoly (a Ganoderma lucidum polysaccharide extract) on the immune functions in advanced-stage cancer patients. Immunol Invest. Aug 2003;32(3):201- 215.

Noguchi M, Kakuma T, Tomiyasu K, et al. Randomized clinical trial of an ethanol extract of Ganoderma lucidum in men with lower urinary tract symptoms. Asian J Androl. Sep 2008;10(5):777-785.

Noguchi M, Kakuma T, Tomiyasu K, et al. Effect of an extract of Ganoderma lucidum in men with lower urinary tract symptoms: a double-blind, placebo-controlled randomized and dose-ranging study. Asian J Androl. Jul 2008;10(4):651-658.

Tao J, Feng KY. Experimental and clinical studies on inhibitory effect of ganoderma lucidum on platelet aggregation. J Tongji Med Univ. 1990;10(4):240-243.

Wang CZ, Basila D, Aung HH, et al. Effects of ganoderma lucidum extract on chemotherapy-induced nausea and vomiting in a rat model. Am J Chin Med. 2005;33(5):807-815.

Chen NH, Liu JW, Zhong JJ. Ganoderic Acid me inhibits tumor invasion through down-regulating matrix metalloproteinases 2/9 gene expression. J Pharmacol Sci. Oct 2008;108(2):212-216.

Li YB, Wang R, Wu HL, et al. Serum amyloid A mediates the inhibitory effect of Ganoderma lucidum polysaccharides on tumor cell adhesion to endothelial cells. Oncol Rep. Sep 2008;20(3):549-556.

Mao T, van De Water J, Keen CL, et al. Two mushrooms, Grifola frondosa and Ganoderma lucidum, can stimulate cytokine gene expression and proliferation in human T lymphocytes. Int J Immunother 1999;15(1):13-22.

Chan WK, Cheung CC, Law HK, et al. Ganoderma lucidum polysaccharides can induce human monocytic leukemia cells into dendritic cells with immuno-stimulatory function. J Hematol Oncol. 2008;1(1):9.

Noguchi M, Kakuma T, Tomiyasu K, et al. Effect of an extract of Ganoderma lucidum in men with lower urinary tract symptoms: a double-blind, placebo-controlled randomized and dose-ranging study. Asian J Androl. 2008 Jul;10(4):651-8.

Weng CJ, Yen GC. The in vitro and in vivo experimental evidences disclose the chemopreventive effects of Ganoderma lucidum on cancer invasion and metastasis. Clin Exp Metastasis. 2010 May;27(5):361-9.

Kim KC, Jun HJ, Kim JS, Kim IG. Enhancement of radiation response with combined Ganoderma lucidum and Duchesnea chrysantha extracts in human leukemia HL-60 cells. Int J Mol Med. 2008 Apr;21(4):489-98.

Gordan JD, Chay WY, Kelley RK, et al. And what other medications are you taking”. J Clin Oncol. 2011 Apr 10;29(11):e288-91.

Wanachiwanawin D, Piankijagum A, Chaiprasert A, et al. Ganoderma lucidum: a cause of pseudoparasitosis. Southeast Asian J Trop Med Public Health. 2006 Nov;37(6):1099-102.

Zhao S, Ye G, Fu G, Cheng JX, Yang BB, Peng C. Ganoderma lucidum exerts anti-tumor effects on ovarian cancer cells and enhances their sensitivity to cisplatin. Int J Oncol. 2011

 

TUTTI I DIRITTI RISERVATI, IL PRESENTE TESTO NON E' RIPRODUCIBILE SENZA ESPRESSA AUTORIZZAZIONE DI ERBORISTERIA COMO.