News & Blog

Stanchezza fisica e mentale: ecco i rimedi naturali contro lo stress

Stanchezza fisica e mentale: ecco i rimedi naturali contro lo stress

Lo stress (letteralmente significa “tensione”), è una reazione fisiologica influenzata dall’ambiente in cui vive l’uomo ed è prodotta da agenti stressanti: rumori, lavoro intenso e/o poco soddisfacente, studio intenso e/o non gradito, sport esageratamente competitivo, non accettazione del fisiologico invecchiamento dell’organismo... Non è una vera e propria condizione di malattia, ma è una reazione normale del corpo, con il fine di mantenersi in equilibrio nonostante le variazioni ambientali, cioè di "adattarsi".

L'uso degli adattogeni per contrastare i disturbi causati dallo stress

Una sostanza si definisce adattogena se aumenta la resistenza dell'organismo indipendentemente dalla natura dello stimolo nocivo, previene o antagonizza i disturbi causati da agenti che provocano stress, ed è sicura.

Gli adattogeni costituiscono una classe di regolatori metabolici (di origine naturale) che possono aumentare la capacità dell'organismo ad adattarsi agli stimoli dell'ambiente circostante e ad evitare i danni che possono derivarne. Un adattogeno è utile quando la resistenza dell'organismo è diminuita o quando l'organismo è affaticato da eccessivo sforzo.

Le droghe vegetali adattogene più comuni, riportate sia dalla Commissione E tedesca che da Escop sono: ginseng ed eleuterococco. ESCOP e la Commissione E tedesca riportano sia per ginseng che per eleuterococco, che sono utili come tonici per contrastare le ridotte capacità mentali e fisiche come debolezza, esaurimento, stanchezza e perdita di concentrazione, nonchè come ricostituente durante la convalescenza.

Dal punto di vista non erboristico ma micologico, curioso è invece Ganoderma Lucidum, o Reishi, anche lui classificato come adattogeno (dal nostro blog).

Il ginseng

Il ginseng è dato dalla radice di Panax ginseng (famiglia delle Araliacee), una pianta erbacea alta 40-60 cm, con fusto eretto, foglie palmato composte (4-5 foglioline) di colore verde, fiori bianchi con sfumature giallo-verdastre, raggruppati in infiorescenze ad ombrella che producono grappoli di bacche rosso-brillanti; Panax ginseng è la specie di ginseng più comunemente adoperato ed ha una distribuzione geografica molto limitata in estremo oriente (Corea, Cina, Siberia). Altre specie di ginseng comunemente usate sono il Panax japonicus e il panax quinquefolius (o "ginseng americano").

I caratteristici componenti del ginseng sono un gruppo di saponine triterpeniche chiamate ginsenosidi. A seconda della lavorazione di Panax ginseng, esistono in commercio due tipi di ginseng: il ginseng bianco, se le radici fresche vengono lavate, raschiate e sbiancate con anidride solforosa ed infine essiccate, ed il ginseng rosso (1) se le radici fresche si trattano con vapore a 95° per circa 2-3 ore prima di essiccarle in modo da eliminare tutte le tossine presenti nella radice e fa "emergere" e fissare nella radice fino a 34 diversi ginsenosidi, cioè tutti i suoi principi attivi. E' per questo che il Panax ginseng rosso è più potente del suo omologo bianco e viene ritenuto adatto a risolvere molti problemi di salute tra i quali l'impotenza maschile.

L'efficacia del ginseng rosso è stata studiata scientificamente solo in tempi recenti, verificando sperimentalmente la sua azione di stimolo in particolare sul sistema endocrino, con effetti positivi su molte patologie quali: depressione (2), fatica cronica (3), diabete miellito (4), sintomi della menopausa femminile (5), impotenza maschile (6) (è provato che il Ginseng è in grado di intervenire nella risoluzione di alcuni problemi sessuali come l’anorgasmia e la mancanza di desiderio: il ginseng riduce lo stress che rappresenta uno dei principali fattori che influiscono negativamente sulla vita sessuale e, per tale motivo si ritiene che il Ginseng funzioni anche come afrodisiaco (7) in quanto stimola il desiderio e le funzioni sessuali.

Al ginseng si attribuiscono almeno 6 azioni fondamentali (8):
– azione sul sistema nervoso centrale con effetto tonificante sulla corteccia e miglioramento
   del rendimento intellettuale senza provocare stati di accresciuto eccitamento. Quest’azione
   è attribuita all’azione tonico-regolatrice del ginseng sul metabolismo delle cellule nervose
   (Petkov);
– azione sul sistema nervoso vegetativo: armonizzazione tra parasimpatico e ortosimpatico;
– azione sul cuore e sulla circolazione sanguigna parzialmente indotta a livello neurovegetativo
   e per azione tonificante sul cuore antipertensiva e riducente il colesterolo sanguigno;
– azione sul metabolismo cellulare e, in particolare, su quello glucidico;
– azione sul rendimento fisico generale e, in particolare, nell’anziano;
– azione reno-gonadica.

L'Eleuterococco

L'eleuterococco, detto anche ginseng siberiano è dato da radici e rizoma essiccate di Eleutherococcus senticosus, fam. Araliacee. Si tratta di un arbusto spinoso che cresce spontaneo nelle regioni orientali della Russia, ma anche nel nord est della Cina, in Corea e in Giappone. La pianta è alta 2-3 m, presenta fiori piccoli, riuniti in ombrelle semplici, di colore giallastro o violetto; il frutto è una drupa nerastra che contiene cinque semi. I principali costituenti chimici dell'eleuterococco sono un gruppo eterogeneo di composti denominati eleuterosidi.

È considerato la specie più importante perché capace d’indurre uno “stato di aumentata resistenza
non-specifica” ed è sicuramente la pianta da preferire per l’assenza di interazioni con altre piante o farmaci e per la notevole sicurezza d’uso.
Secondo la medicina orientale, l’eleuterococco è da considerarsi pianta utile anche per la donna, mentre ginseng è più indicato per l’uomo.

Proprietà e indicazioni: l'eleuterococco è adattogeno (9) e antiradicalico (10), aumenta l’efficienza metabolica (i principi attivi dell’eleuterococco mobilitano i lipidi dal tessuto adiposo: aumentando la secrezione insulinica, quindi, facilitano l’utilizzo di glucosio da parte dei tessuti, aiutandoci a ridurre i livelli di glicemia) (11), è immunomodulante (12), tonico (13), antivirale (14), migliora l'umore (grazie alla sua capacità di secrezione di cortisolo, placando l’ansia e debellando la depressione).

L’Eleuterococco è utilizzato come tonico: per rinvigorire e fortificare l'organismo in momenti di fatica e debolezza, nei casi di diminuita capacità lavorativa, quando si abbassano i livelli di concentrazione (o di attenzione), e durante la convalescenza.

La droga esercita un effettoadattogeno”, in quanto aumenta la resistenza dell’organismo, sia fisica sia mentale, combattendo gli stimoli tendenti a turbarne l’equilibrio biologico con modifiche funzionali o morfologiche (Goulet e Dionne, 2005).

L’Eleuterococco esercita anche un’azione immunomodulante, aumentando il numero di cellule NK ed il numero di linfociti T e dei linfociti B e di distruggere vari tipi di cellule, come quelle tumorali o dei tessuti trapiantati, attraverso la liberazione di linfochine (Aicher et al., 2001; Drozd et al., 2002; Kupin e Polevaia, 1986; Rogala et al., 2003; Tang e Eisenbrand, 1992). 

Dove puoi trovare queste piante nella nostra erboristeria?

Il ginseng lo puoi trovare in:

Ginseng rosso multivitaminico (utile per le situazioni di intenso stress fisico e psichico): contiene vitamine A, C, D, E, H, K e vitamine del gruppo B (100% RDA), Miele d’Acacia, Ginseng rosso estratto molle (l'estratto molle è una forma maggiormente biodisponibile rispetto ad estratto secco o tintura madre e garantisce una migliore assimilazione, coadiuvando l'attività delle vitamine);

- Tonic Energia: a base di Maca, Ginseng coreano, Aloe, Papaia fermentata e Guaranà.

L'Eleuterococco lo puoi trovare in:

Memosel (utile per memoria e funzioni cognitive): contiene Miele d’Acacia, Pappa Reale fresca (già discussa nello scorso post), estratti Betulla, Eleuterococco, Fieno greco. Consigliato per  ragazzi in età scolare, anziani, e inappetenza, utile nel meccanismo della memoria. Fiale bevibili.

- Eleuterococco

- Tonic Benessere: a base di Eleuterococco, Maca, Rodiola, Papaia fermentata e Aloe.

Se la tua stanchezza è più psichica che fisica, invece scegli PsicheLiberamente (vai al post Ansia, insonnia, stress psicofisico, scopri i segreti della natura).

Dott.ssa Laura Comollo

Visita il nostro reparto di erboristeria oppure contattaci per eventuali chiarimenti o per maggiori informazioni.

TUTTI I DIRITTI RISERVATI, IL PRESENTE TESTO NON E' RIPRODUCIBILE SENZA ESPRESSA AUTORIZZAZIONE DI ERBORISTERIA COMO

Bibliografia:

(1) Panax ginseng. Kiefer D, Pantuso T. Am Fam Physician. 2003 Oct 15;68(8):1539-42. Review.

Botanical characteristics, pharmacological effects and medicinal components of Korean Panax ginseng C A Meyer. Choi KT. Acta Pharmacol Sin. 2008 Sep;29(9):1109-18. doi: 10.1111/j.1745-7254.2008.00869.x. Review.

Comparative Analysis of Ginsenosides and Oligosaccharides in White Ginseng (WG), red Ginseng (RG) and Black Ginseng (BG).Zhu L, Luan X, Dou D, Huang L. J Chromatogr Sci. 2019 Mar 6. pii: bmz004. doi: 10.1093/chromsci/bmz004. [Epub ahead of print]

(2) Ginseng: potential for the enhancement of cognitive performance and mood.Kennedy DO, Scholey AB. Pharmacol Biochem Behav. 2003 Jun;75(3):687-700. Review.

Effect of Korean Red Ginseng as an adjuvant treatment for women with residual symptoms of major depression. Jeong HG, Ko YH, Oh SY, Han C, Kim T, Joe SH.Asia Pac Psychiatry. 2015 Sep;7(3):330-6. doi: 10.1111/appy.12169. Epub 2014 Dec 12.

(3) Efficacy of Ginseng Supplements on Fatigue and Physical Performance: a Meta-analysis. Bach HV1, Kim J1,2, Myung SK1,2,3, Cho YA2.

Antifatigue effects of Panax ginseng C.A. Meyer: a randomised, double-blind, placebo-controlled trial. Kim HG1, Cho JH, Yoo SR, Lee JS, Han JM, Lee NH, Ahn YC, Son CG

Ginseng as a Treatment for Fatigue: A Systematic Review. Arring NM1, Millstine D2,3, Marks LA4, Nail LM5. J Altern Complement Med. 2018 Jul;24(7):624-633. doi: 10.1089/acm.2017.0361. Epub 2018 Apr 6.

(4) Anti-diabetic properties of different fractions of Korean red ginseng. Park SJ, Nam J, Ahn CW, Kim Y. J Ethnopharmacol. 2019 Mar 5. pii: S0378-8741(18)34202-8. doi: 10.1016/j.jep.2019.01.044. [Epub ahead of print]

(5) Antioxidative effects of Korean red ginseng in postmenopausal women: a double-blind randomized controlled trial.Seo SK, Hong Y, Yun BH, Chon SJ, Jung YS, Park JH, Cho S, Choi YS, Lee BS.J Ethnopharmacol. 2014 Jul 3;154(3):753-7. doi: 10.1016/j.jep.2014.04.051. Epub 2014 May 9.

Ginseng for managing menopause symptoms: a systematic review of randomized clinical trials. Kim MS, Lim HJ, Yang HJ, Lee MS, Shin BC, Ernst E.J Ginseng Res. 2013 Mar;37(1):30-6. doi: 10.5142/jgr.2013.37.30.

(6) Study of the efficacy of Korean Red Ginseng in the treatment of erectile dysfunction.de Andrade E, de Mesquita AA, Claro Jde A, de Andrade PM, Ortiz V, Paranhos M, Srougi M. Asian J Androl. 2007 Mar;9(2):241-4. Epub 2006 Jul 11

(7) The aphrodisiac and adaptogenic properties of ginseng. Nocerino E, Amato M, Izzo AA. Fitoterapia. 2000 Aug;71 Suppl 1:S1-5. Review.

(8) P. Chiereghin. Fitoterapia per il Farmacista. 2006.

(9) Siberian Ginseng (Eleutherococcus senticosus); current status as an adaptogen. Farnsworth NR, Kinghorn D, Soejarto DD, Waller DP. Economic and Medicinal Plant Research, Vol. 1. London: Academic Press, 1985:155-215

The mechanism of adaptogenic action of Eleutherococcus senticosus extract on the human body under thermal stress. Novozhilov GN, Silchenko KI. Fisiol Cheloveka 1985; 11:303-6.

Effect of Eleutherococcus senticosus extract on human physical working capacity. Asano K, Takahashi T., Miyashita M, Matsuzaka A, Muramatsu S, Kuboyama M et al.Planta Med 1986; 52: 175-7.

(10) Antioxidant and hepatoprotective effects of Acanthopanax senticosus (Eleutherococcus senticosus). Lin C-C, Huang P-C, Phytother Res 2000; 14:489-94.

(11) The effect of eight weeks of supplementation with Eleutherococcus senticosus on endurance capacity and metabolism in human. Kuo J, Chen KW, Cheng IS, Tsai PH, Lu YJ, Lee NY. Chin J Physiol. 2010 Apr 30;53(2):105-11.

(12) Flow cytometric studies with Eleutherococcus senticosus  extract as an immuno modulatory agent.  Bohn B, Nebe CT, Birr C. Arzneim-Forsch/Drug Res 1987; 37;1193-6.

(13) Goulet ED, Dionne IJ (2005) Assessment of the effects of eleutherococcus senticosus on endurance performance. Int J Sport Nutr Exerc Metab. 15(1):75-83

(14) Effect of eleutherococcus on the morbidity of viral respiratory infections among children in organized collectives. Barkan AN, Gaiduchenya LI, Makarenko YA, Pediatriia (Moscow) 1980; 4:65;6.

Antiviral activity of an extract derived from roots of Eleutherococcus senticosus . Glatthaar-Saalmuller B, Sacher F, Esperester A. Antiviral Res 2001; 50:223-8.