News & Blog

Aloe Vera da bere: benefici e consigli efficaci

Aloe Vera da bere: benefici e consigli efficaci

L’Aloe vera è una delle circa 420 specie del genere Aloe (Dagne et al. 2000) ed una tra le più note. L’Aloe Vera ha foglie triangolari, carnose con bordi seghettati, fiori tubolari gialli e frutti che contengono numerosi semi. Una precisazione: nella maggior parte dei formulari e dei trattati, Aloe barbadensis Mill. è considerato il nome corretto della specie e Aloe Vera è considerata un sinonimo. Tuttavia, secondo l'International rules of Botanical Nomenclature, Aloe vera è il nome legittimo di questa specie.

Cosa contengono le foglie di Aloe?

Il componente presente indubbiamente in quantità maggiore nella pianta, è l’acqua: essa costituisce mediamente circa il 96-97% del peso fresco ed è distribuita in parte nella cuticola e nel filetto della foglia ma soprattutto nel tessuto parenchimatico localizzato nella parte interna della foglia, dove raggiunge una percentuale del 99%. Nella sostanza secca, i lipidi e le proteine rappresentano le frazioni minori, essendo il 3,8% ed il 7,0% rispettivamente. La quantità di carboidrati è invece molto rilevante e costituisce circa il 70% del peso secco. Di questa quota l’11% circa è rappresentato da una frazione di monosaccaridi solubili, mentre il restante 59% è rappresentato da un’ampia frazione costituita da omo- ed etero- polisaccaridi ad alto peso molecolare, complessivamente indicata anche come fibra alimentare.  Le sostanze funzionali possono dividersi in tre grandi gruppi:

- Polisaccaridi ad elevato peso molecolare: principalmente rappresentati da acemannani, galattomannani e glucomannani, abbondanti nel tessuto parenchimatoso localizzato all’interno della foglia;

- numerose biomolecole di notevole importanza nutrizionale e funzionale: mono- e di- saccaridi, aminoacidi, glicoproteine, acidi organici, fitosteroli, sostanze ad azione ormonale, enzimi, vitamine e sali minerali;

- Eterosidi antracenici e sostanze fenoliche presenti nella cuticola della foglia, che rappresentano i principali componenti del cosiddetto “Latex antrachinonico”, tra cui l'aloina.

Aloe Vera da bere proprietà

- Uno dei componenti che contribuisce in maniera significativa a caratterizzare le proprietà curative della pianta è di muco polisaccaride acemannano. L'acemannano è una molecola che si trova all'interno del tessuto connettivo. L'organismo è in grado di produrre l'acemannano fino alla pubertà dopo di che deve introdurlo con l'alimentazione. L'acemannano è un polisaccaride complesso e raro che si trova solamente nell'aloe, nel ginseng, nello shitake, nella polvere di cartilagine di squalo, nell'astragalo e nell'eleuterococco. L'acemannano rinforza il sistema immunitario attivando i fagociti, gli anticorpi e le cellule killer. Inoltre questa sostanza facilita la disgregazione delle proteine estranee, che spesso sono all'origine di allergie nell'intestino crasso.

 - Mono- e di- saccaridi, aminoacidi, glicoproteine, acidi organici, fitosteroli, sostanze ad azione ormonale, enzimi, vitamine e sali minerali. Nello specifico, come riportato in “Aloe vera: a short rewiev”-Amar Surjushe, Resham Vasani, and D G Saple, l'aloe vera contiene 75 componenti potenzialmente attivi, tra i quali: vitamine (A, C ed E, B12-rarissima in natura e indispensabile per la corretta funzione emolitica, acido folico, niacina e colina), enzimi, minerali (calcio, cromo, rame, selenio, magnesio, manganese, potassio, sodio e zinco), amminoacidi (l’aloe fornisce 20 dei 22 amminoacidi umani necessari e 7 degli 8 amminoacidi essenziali).

Quali sono le sostanze funzionali DA NON TROVARE in un succo di Aloe?

L'aloina, un C-glicoside derivato dell’aloe-emodina. Essa esercita attività lassativa aumentando la secrezione d’acqua nel lume intestinale, riduce il riassorbimento e stimola le contrazioni propulsive peristaltiche della parete intestinale. L’aloina, al pari delle altre droghe antrachinoniche ha però degli effetti collaterali: l’abuso a lungo termine di lassativi può provocare alterazioni del bilancio elettrolitico, acidosi metabolica, malassorbimento, calo ponderale, albuminuria ed ematuria (dati OMS).

Aloe Vera da bere benefici

Gli stili di vita odierni, lo stress e la cattiva alimentazione hanno aumentato i disturbi gastrici come ulcere, gastriti, coliti e acidità di stomaco. L’Aloe ha importanti proprietà che favoriscono la corretta digestione dei cibi e l’assimilazione delle sostanze nutritive. Già nell’Antico Egitto (papiro di Ebers) erano conosciute le proprietà salutari dell’Aloe per i disturbi gastrointestinali.

Grazie ai mucopolisaccaridi naturali (mannani), combatte l’intestino pigro, migliora la regolarità intestinale, riduce i bruciori di stomaco. Il succo di aloe agisce anche sulle funzioni del pancreas, attiva la produzione dei suoi succhi digestivi e regola l’attività dell’insulina stabilizzando la presenza di glucosio nel sangue.

L’Aloe agisce inoltre da disintossicante, dato che il tratto gastrointestinale è particolarmente incline ad accumulare le tossine, ed ha anche un effetto stimolante sul fegato: favorisce l’attività epatica, l’eliminazione delle tossine e delle altre sostanze dannose per l’organismo. Grazie all’effetto depurativo, il succo di aloe vera è in grado di favorire anche la diuresi e lo smaltimento dei liquidi in eccesso.

L’Aloe contiene inoltre, come detto più sopra, molte vitamine: quando si è sottoposti a ritmi lavorativi veloci, iperconnessi, con la tecnologia e gli schermi sempre presenti, si tende a mangiare male o saltare i pasti, riducendo il fabbisogno giornaliero di vitamine, ma l’Aloe succo sopperisce a questa necessità e aiuta l’organismo a mantenersi in salute. I minerali presenti nel succo di aloe vera naturale-stimolanti i processi enzimatici- e gli amminoacidi-molto importanti per il rinnovamento cellulare, la sintesi delle proteine, ed altri processi vitali- quali la cisteina, hanno azione antiossidante e contrastano l’invecchiamento cellulare. L'assunzione regolare di succo di aloe prima dei pasti, tra l'altro, garantisce l'apporto quotidiano di ferro. Lo stesso vale per il calcio, che regola il metabolismo cellulare e garantisce l'efficacia della vitamina C grazie ai suoi ioni.

Succo puro di Aloe: tanti in commercio, ma come sceglierne uno di qualità?

Chi intende acquistare un succo di Aloe di qualità deve acquistare un prodotto di cui si sappia: l’origine della coltivazione (le speculazioni e gli interessi economici, hanno fatto proliferare culture di varie specie di Aloe in coltivazioni intensive, lontano dai luoghi d' origine), la filiera di produzione, una certificazione del prodotto, il contenitore del succo (non prendere il succo d’aloe se in bottiglie trasparenti!). Occorre inoltre assicurarsi che il succo sia privo di aloina.

Numerose sono le certificazioni che ruotano attorno al mondo dei prodotti a base di Aloe, ma tra i vari disciplinari, quello messo a punto dalla IASC (International Aloe Science Council) è senza dubbio quello più rigoroso, chiaro ed efficace. La certificazione IASC non deve essere confusa con la certificazione di Prodotto Biologico: la conformità agli standard IASC garantisce la qualità e la purezza dell’Aloe contenuta nei prodotti, mentre la certificazione biologica garantisce l’assenza di sostanze di sintesi e conservanti non compatibili con lo status di Prodotto Biologico. In particolare, per poter dichiarare un prodotto conforme allo standard IASC si deve seguire un complesso iter autorizzativi che coinvolge l’intera filiera produttiva e distributiva e che riguarda: a) la coltivazione dell’Aloe, b) la produzione di semilavorati a base di Aloe, c) la produzione dei prodotti finiti a base di Aloe (succhi, capsule, tavolette, ecc.), d) l’autorizzazione ad apporre la dichiarazione di conformità agli standard IASC sul prodotto finito. 

Succo di Aloe Vera Master Active: la nostra proposta di qualità

Nel nostro reparto di Erboristeria ti proponiamo, tra gli integratori, il Succo puro di Aloe Vera Master Active e Aloe Vera Master Active con Zenzero e Limone. Aloe Vera Master Active ha queste caratteristiche: 

• Senza Aloina (≤ 0,0001%): l’aloina, come prima accennato è un antrachinone ed è ed una sostanza fortemente lassativa. Se assunta in continuità per 1-2 settimane, può causare gravi disturbi all’apparato gastro-intestinale: diarrea, mal di stomaco, alterazione della funzione intestinale, contrazioni muscolari e peristalsi (vedasi anche dati OMS). Al contario, è l’acemannano il principio attivo che la letteratura indica tra i principali responsabili dell’attività lenitiva ed emolliente sul sistema digerente: solo i succhi più pregiati di Aloe Vera contengono questo principio attivo! 

• Senza acqua aggiunta;

• Non pastorizzata;

• Titolata in polisaccaridi 2000 mg/l;

• Titolata in Acemannano 800 mg/l;

• Certificata IASC;

• Da piantagioni biologiche ed esenti da pesticidi;

• Anche per Vegetariani e Vegani;

• Senza maltodestrine;

• 100% succo da puro filetto;

• Flacone coprente e rigido per evitare l’ossidazione.

La descrizione dettagliata su origine della coltivazione e sulla filiera produttiva si trova nella descrizione dei nostri prodotti Aloe Vera Master Active.

Alcuni consigli di assunzione:

- Per una disintossicazione stagionale: Se ne consiglia l'assunzione di Aloe al mattino a digiuno e alla sera prima di coricarsi, per un periodo compreso tra le 4 e le 8 settimane. Otterremo un grande effetto di pulizia dell'organismo dalle scorie accumulate durante l'inverno e un potenziamento dello stesso contro le risposte allergiche e contro la maggiore presenza di organismi vari (batteri, virus etc.) che si risvegliano dalla stasi invernale.

- Per le difficoltà digestive: Preso 30 minuti prima dei pasti, il succo di Aloe, grazie all'attività gastroprotettiva dell'acemannano, riduce l'acidità gastrica in maniera considerevole e va a proteggere direttamente le pareti dello stomaco, dando così sollievo alla sensazione di bruciore.
In soli 7 giorni di utilizzo di Aloe, regolarizzando la digestione a livello gastrico, si riesce a ripristinare l'attività digestiva intestinale migliorando l'assorbimento delle proteine e ricreando il giusto ambiente per il mantenimento e riproduzione di una sana flora batterica (Aloe attività prebiotica). Ancora in conseguenza si normalizza (non si parla di effetto lassativo) la consistenza delle feci, favorendo in transito intestinale.

Dott.ssa Laura Comollo

Visita il nostro reparto di erboristeria oppure contattaci per eventuali chiarimenti o per maggiori informazioni.

TUTTI I DIRITTI RISERVATI, IL PRESENTE TESTO NON E' RIPRODUCIBILE SENZA ESPRESSA AUTORIZZAZIONE DI ERBORISTERIA COMO.