Quanti di voi hanno mangiato le ciliegie e buttato via i peduncoli? In erboristeria invece i peduncoli di ciliegio servono eccome, anche per prevenire la cistite: scoprilo con noi!

     


Il ciliegio è un albero che appartiene alla famiglia delle Rosacee probabilmente proveniente dall’Asia. È famoso per i suoi frutti, dal colore rosso acceso e dal gusto più o meno dolce: il Prunus avium è il ciliegio dolce e il Prunus cerasus il ciliegio acido.

Quante volte ti è capitato di raccogliere dall’albero di Ciliegio gustose ciliegie e di buttare via il peduncolo (o “picciolo” della ciliegia) col quale erano attaccate all’albero? proprio questo invece, in erboristeria, è la parte del ciliegio più interessante.

I peduncoli dei frutti di ciliegio, generalmente raccolti a piena maturazione e lasciati essiccare al sole, sono ricchi di polifenoli, tannini, flavonoidi, potassio, vitamina A, C e acido malico che favorisce la digestione degli zuccheri e l’attività del fegato e sono celebrati dal Dott. Jean Valnet come diuretici potenti, “sedativi delle vie urinarie”.

Ci racconta il Dott. Valnet (1920-1995), medico chirurgo dell’esercito francese, nel suo libro “Fitoterapia, guarire con le piante”: “il sig. C., 54 anni, ha sempre maggiore difficoltà a urinare e il suo tasso di urea nel sangue sale pericolosamente fino a portarlo in uno stato di pre-coma, che richiede il ricovero in ospedale. Cosa che viene effettuata nella giornata stessa. Le cure classiche vengono prodigate con molta serietà ma restano prive di effetto: 5 giorni dopo, il malato è chiaramente in fin di vita”. (..il medico dell’ospedale consiglia di “riportare a casa il malato, perchè sarebbe certamente più opportuno farlo morire tra i suoi cari”..). “La moglie del moribondo si ricorda allora delle proprietà diuretiche dei piccioli di Cerasus vulgari, da lei conosciuta col nome comune di ciliegia. Ne prepara un decotto molto concentrato che fa prendere a cucchiaini al malato. Nelle 48 ore seguenti il malato elimina circa 10 litri di urina. Una settimana dopo, si alza e può riprendere alcune attività. E’ vissuto ancora 7 anni in forma strabiliante”.

Conservate quindi il picciolo delle ciliegie che consumate!

Ciliegio peduncoli: proprietà e azione

peduncoli di ciliegio sono rinomati per le proprietà diuretiche antinfiammatorie e sedative delle vie urinarie e indicati nelle insufficienze renali, nelle nefriti, nelle litiasi urinarie, nell’artritismo, negli edemi dei cardiopatici.

Le proprietà dei peduncoli di ciliegio sono già note da Galeno: oltre alla loro azione contro l’infiammazione delle vie urinarie, sono drenanti contrastando la ritenzione idrica e fluidificano i depositi di grasso evitando la formazione di nuova cellulite, grazie alla loro funzione idrurica natriuretica.

L’azione del ciliegio peduncoli è dovuta a una sostanza amara, sali organici e di potassio. I peduncoli di ciliegio non sono strettamente dei diuretici neutri, bensì dei natriuretici, in quanto agiscono per azione di stimolazione diretta dell’epitelio renale favorendo l’eliminazione di sodio (e quindi di acqua) con le urine.


Ciliegio peduncoli: alcune formulazioni

I peduncoli di ciliegio si possono impiegare

  • in decotto: si prepara con 50 grammi di peduncoli secchi di ciliegie in 1 litro di acqua (oppure 1 cucchiaio raso ciliegio peduncoli per 1 tazza d’acqua) Basta versare i peduncoli sminuzzati nell’acqua fredda, accendere il fuoco e portare a ebollizione. Far bollire finché l’acqua non assume un colore rosato. Spegnere il fuoco, coprire e lasciare in infusione per 10 minuti o fino a quando il decotto diventa di un colore più scuro. Bere 2 tazze al giorno in caso di cellulite, infezioni delle vie urinarie, ritenzione idrica.
  • in infuso: per ottenerlo portare ad ebollizione un litro d’acqua, immergervi una manciata di peduncoli secchi di ciliegia, lasciando in infusione per circa 5 minuti.

I peduncoli di ciliegio costituiscono anche un ingrediente speciale di un nostro integratore per la cistite: Cranberry bustine.

Nelle nostre bustine di Cranberry ciliegio peduncoli lo trovi in sinergia con la vitamina C e proantocianidine di tipo A da mirtillo rosso frutto (Cranberry, o vaccinium macrocarpon). Cranberry bustine è un integratore utile per il drenaggio dei liquidi corporei e la funzionalità delle vie urinarie. In particolare:

  • il mirtillo rosso americano (frutto), antisettico delle vie urinarie, inibisce l’adesione batterica alla mucosa della vescica, importante nello sviluppo delle infezioni del tratto urinario. E’stato dimostrato che il mirtillo americano è in grado di provocare un’inibizione irreversibile dell’adesione di un ceppo di Escherichia Coli che esprime due tipi di fimbrie (tipo1 e tipo P) per l’adesione. E’ stato inoltre dimostrato che le proantocianidine estratte dal mirtillo americano inibiscono l’adesione dei ceppi di E. coli con fimbrie di tipo P. E’ indicato soprattutto nella prevenzione delle infezioni alle vie urinarie.
  • ciliegio peduncoli, eccellente per l’azione drenante, è utile per eliminare i batteri dall’organismo.
  • la vitamina C ha invece la funzione di stimolare le difese immunitarie e di abbassare il pH urinario, favorendo così l’azione del Cranberry.

Cranberry bustine è quindi un ottimo disinfettante naturale delle vie urinarie utile per la prevenzione della cistite (azione di “mantenimento”).


Cranberry bustine: come prevenire la cistite

Si ha cistite quando si manifesta un’infiammazione delle vie urinarie, generalmente dovuta ad un‘infezione batterica oppure, più raramente, a traumi, allergie o situazioni di diminuita resistenza immunitaria. In circa l’80% dei casi il responsabile è il batterio Escherichia Coli seguito da altri ceppi quali Proteus, Enterobacter, Pseudomonas e un fungo, la Candida. Questi batteri risiedono comunemente nell’intestino senza causare disturbi se sono presenti in basso numero. I problemi insorgono quando si moltiplicano a dismisura per scarso equilibrio con la flora batterica benefica. Allora tendono a migrare fuori dall’intestino contaminando uretra e vescica, abitualmente sterili, causando la cistite. Noi la avvertiamo dallo stimolo frequente a doloroso a urinare, seguito dall’emissione di poche gocce di urina con bruciore specialmente al termine della minzione.

Mentre per la cistite in fase acuta ti consigliamo Cranberry fast resolution (innovativo perchè sfrutta l’azione del D-mannosio e del Cranberry in due momenti separati della giornata), per prevenire la cistite Cranberry bustine è ottimo, soprattutto per chi sa di essere soggetto a cistite recidivante, per la sinergia degli ingredienti che contiene e  si consiglia l’assunzione di 1 bustina al mattino da assumersi con abbondante acqua solo dopo aver eliminato l’accumulo di urina presente. Per un’azione preventiva completa è consigliato un trattamento di 28 giorni.

Dott.ssa Laura Comollo


Per qualsiasi chiarimento o per maggiori informazioni Contattaci.

Seguici sui nostri canali Facebook Instagram

TUTTI I DIRITTI RISERVATI, IL PRESENTE TESTO NON E’ RIPRODUCIBILE SENZA ESPRESSA AUTORIZZAZIONE DI ERBORISTERIA COMO


Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.


Fonti e alcuni studi scientifici:

  • J. Valnet, Fitoterapia, guarire con le piante
  • Howell AB (2002) Cranberry proanthocyanidins and the maintenance of urinary tract health. Crit Rev Food Sci Nutr 42(3 Suppl):273–278
  • Jepson RG, Mihaljevic L, Craig J (2004) Cranberries for preventing urinary tract infections. Cochrane Database Syst Rev 2:CD001321
  • Reid G (2002) The role of cranberry and probiotics in intestinal and urogenital tract health. Crit Rev Food Sci Nutr 42:293–300
  • Newton M, Combest W, Kosier JH (2001) Select herbal remedies used to treat common urologic conditions. Urol Nurs 21:232–234
  • Analysis of glycosylated flavonoids extracted from sweet-cherry stems, as antibacterial agents against pathogenic Escherichia coli isolates, Alfredo Aires1, Carla Dias2, Rosa Carvalho3 and Maria José Saavedra2– Centre for the Research and Technology for Agro-Environment and Biological Sciences, CITAB, Universidade de Trás-os-Montes e Alto Douro, UTAD, Quinta de Prados, Portugal.